“Basta negazionismo, vogliamo che la Regione approvi la dichiarazione di emergenza ambientale”. È questo l’appello degli attivisti lombardi di Fridays For Future che ieri sera, venerdì 22 novembre, hanno manifestato davanti a Milano di fronte a Palazzo Lombardia. In attesa del quarto sciopero mondiale per il clima previsto per venerdì prossimo, i ragazzi e le ragazze di FFF chiedono al presidente Fontana di approvare una serie di misure non solo simboliche, ma concrete per fronteggiare l’emergenza ambientale. Dallo stop al consumo del suolo alla riduzione dell’inquinamento atmosferico. Dalla mobilità sostenibile alla riconversione energetica degli edifici pubblici. Temi sui quali secondo gli attivisti scesi in piazza in questi mesi “c’è ancora tanto da fare perché la Lombardia è una delle regioni più inquinate d’Europa”. Secondo il dossier di Legambiente “Buone e cattive acque” il 73% di fiumi e laghi lombardi è contaminato da pesticidi e la regione Lombardia si colloca ai primi posti per l’incremento del consumo di suolo. “Di fronte a questa situazione, abbiamo visto in questi mesi tanti impegni disattesi a partire da quelli del Comune di Milano e del governo Conte che fa un decreto clima del tutto insufficiente, fino agli atteggiamenti un po’ negazionisti della Regione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecco 34 consigli per vivere “green”. E i falsi miti smascherati. Su FQ Millennium in edicola

next
Articolo Successivo

Si possono difendere le piante con le piante? Ecco cinque ottimi sostituti ai pesticidi

next