Considerato dagli studiosi come una Terra primitiva è anche “uno dei luoghi migliori del Sistema Solare dove cercare tracce di vita”. Per questo la Nasa manderà sul Titano, la più grande della lune di Saturno un drone nel 2034: dragonfly sarà il primo a esplorare un altro mondo del Sistema Solare. Intanto la sua mappa geologica è stata completata grazie alla raccolta dei dati in più di 10 anni di attività nel sistema di Saturno dalla sonda Cassini, nata dalla collaborazione tra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi), e conclusa nel 2017 con un tuffo nell’atmosfera di Saturno. La mappa è illustrata nello studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy dal gruppo del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa, coordinato da Rosaly Lopes.

Grazie a più di 100 passaggi ravvicinati di Cassini su Titano, i ricercatori hanno individuato sei principali formazioni geologiche. La mappa mostra montagne, pianure, vallate, crateri e laghi di metano. Questi ultimi sono concentrati nelle regioni polari, le più umide, mentre la regione equatoriale è arida, con ampie dune scolpite dai venti. La maggior parte della superficie di Titano, circa due terzi, è formata da pianure. La presenza di crateri indica che la superficie è abbastanza giovane.”La mappa – spiega Lopes – aiuterà a capire storia ed evoluzione di Titano”. Titano è, ad esempio, l’unica luna del Sistema Solare con una densa atmosfera, con metano che ha un proprio ciclo come quello dell’acqua sulla Terra. “Titano è un mondo interessante, con atmosfera, piogge e venti. È uno dei luoghi migliori del Sistema Solare – ha concluso Lopes – dove cercar tracce di vita”.

L’abstract su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antibiotico-resistenza, Iss: “Italia prima tra i Paesi dell’Ue per numero di morti”

prev
Articolo Successivo

Cancro, ecco l’onco-chip: passaporto genetico che contiene informazioni sul Dna tumorale di ogni paziente

next