“Dove è presente la criminalità organizzata, è molto più facile assistere a episodi di corruzione e intimidazione dei politici. La perdita secca di benessere che questo comporta, in termini di Pil pro capite, è del 15-20%“. Lo ha spiegato il professore Paolo Pinotti, durante la Lectio Inauguralis della sua Associate professorship in economic analysis of crime. La cattedra in analisi economica del crimine, creata dall’Università Bocconi di Milano grazie a un donatore anonimo, ha tra gli altri l’obiettivo di quantificare il “peso” della criminalità organizzata sullo sviluppo economico. “Per quanto riguarda le regioni del nord, abbiamo attività irregolari legate a traffici di droga e riciclaggio di denaro, infiltrazioni nel tessuto economico, politico e sociale che non fanno ben sperare” ha aggiunto Pinotti. Alla Lectio hanno partecipato anche Alessandra Dolci, procuratore aggiunto Dda di Milano, che ha rinnovato l’appello ad entrare a far parte del capitale sociale dell’antimafia, fatto ai sindaci del territorio milanese due settimane fa, e Nicola Gratteri, Procuratore della Repubblica di Catanzaro. “Le mafie – ha detto Gratteri – vengono al nord perché sono zone ricche e, se offri prestazioni d’opera a basso costo, operai sottopagati, smaltimento rifiuti illegale, gli imprenditori ti accolgono spesso a braccia aperte. Quando si presente un imprenditore del sud che offre prestazioni al ribasso del 40%, non si può non capire che sono associazioni criminali”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ex Ilva, i finanzieri negli uffici di Arcelor. L’accusa: materie prime comprate a prezzi alti, prodotti finiti svenduti a società del gruppo

prev
Articolo Successivo

Autostrade, inchiesta bis di Avellino su lacune sicurezza: nuovi sequestri su 9 viadotti, 3 sono sull’A1 Napoli-Milano. Indagati salgono a 8

next