Truffe telematiche, violazioni della privacy, furti d’identità. Alzando il tiro, attacchi informatici in grande stile, uno per tutti quello avvenuto nel corso delle ultime elezioni americane. Ma nel mondo del web potrebbe succedere di peggio, di molto peggio: potrebbero scoppiare guerre silenziose quanto devastanti, combattute a colpi di clic, il cui obiettivo non è la conquista del territorio, ma la presa di possesso delle infrastrutture chiave: vie e mezzi di comunicazione, rete elettrica, impianti per la distribuzione di gas e acqua, con conseguenze a dir poco catastrofiche.

Uno scenario che purtroppo non ha niente di fantascientifico. Il libro Cyber War, edito da Mimesis (12 euro), prova a ricostruirlo attraverso il lavoro di due esperti: Aldo Giannuli, storico e già collaboratore di procure e commissioni d’inchiesta sulle stragi di Stato, e Alessandro Curioni, consulente specializzato in cybersicurezza e autore di saggi sul tema. I due esperti danno informazioni precise e circostanziate su fatti realmente avvenuti, con un linguaggio chiaro e comprensibile; poi, con il ritmo di un thriller, descrivono armi, campi di battaglia, strategie di attacco e di difesa di un possibile conflitto cibernetico. Che forse è già in atto, anche se per il momento a bassa intensità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cent’anni fa nasceva la Bauhaus. Una storia anche femminile (nonostante le discriminazioni)

prev
Articolo Successivo

Giancarlo Moscara, addio all’artista che col suo sguardo era in grado in grado di colorare il mondo

next