Un patentino per usare lo smartphone. È questa l’idea nata nel programma “Scuole che promuovono la salute” del Piano regionale Piemonte della prevenzione, con il coinvolgimento dell’Asl Cuneo 1 e 2 e le scuole “Umberto Primo” di Alba e “Peano Pellico” di Cuneo, capofila del progetto. La filosofia di fondo è quella di dare agli alunni delle scuole secondarie di primo grado delle competenze affinché conoscano le potenzialità ma anche i pericoli che si corrono con l’uso del cellulare. “Si parte dall’idea – spiega il responsabile del progetto Aldo Ribera, vice preside del “Peano Pellico” – che si prendono le patenti per guidare i motorini e si mette in tasca ai ragazzini una bomba senza che nessuno di loro sia adeguatamente istruito a usarlo”.

Il patentino consiste in una sorta di formazione che viene erogata alle scuole medie attraverso gli insegnanti che hanno svolto un corso presso la scuola polo. Il primo passaggio di questo progetto è proprio quello di istruire i professori: “Abbiamo iniziato il corso – spiega Ribera – con ottanta docenti che coinvolgono tutte le scuole del territorio che faranno attività con le diverse classi. Lo scopo è quello d’insegnare anche a loro l’uso dello smartphone, sia come strumento elettronico che per i contenuti. I docenti hanno studiato lo strumento e tutto ciò che attiene la parte ingegneristica; abbiamo affrontato il tema 5G. Abbiamo analizzato il principio di precauzione perché al momento non abbiamo dati sugli effetti dell’uso dello smartphone. La Polizia Postale ci ha informato su tutto ciò che è collegato al reato. Adesso entreremo più nella parte psicologica, sull’uso improprio che si può avere nella pratica quotidiana, sul discorso della dipendenza. Non mancherà un’analisi del ruolo della scuola che deve partire da un approccio che promuove l’uso consapevole e non solo punitivo”.

Il lavoro nelle classi da parte degli insegnanti inizierà a dicembre e proseguirà fino a marzo. Agli studenti verrà poi posto un questionario, una sorta di esame, per ottenere il patentino. A maggio è previsto un evento pubblico per la consegna dei patentini, con la partecipazione delle famiglie. Il modello seguito è quello portato avanti lo scorso anno dalle scuole del Verbano che, in collaborazione con le aziende sanitarie, il Ministero della Pubblica Istruzione e le forze dell’ordine, hanno iniziato un progetto per rilasciare agli studenti che seguono un percorso formativo un patentino per l’uso responsabile dello smartphone.

Ottanta ore di corso, una sorta di patto tra studenti e famiglie per imparare a gestire uno strumento potente e in alcuni casi devastante, come dimostrano alcuni fatti di cronaca, che richiede l’assunzione di responsabilità. Il “contratto di buon uso” ha una serie di punti: tra gli impegni dei figli si va dal “non scriverò mai nulla sui social ciò che non direi di persona”, al “non chiederò e non invierò foto intime perché questo potrebbe rovinare la mia vita in futuro”. I figli si impegnano poi a consegnare le password di accesso ai genitori che, da parte loro, assicurano la loro vigilanza, perché “lo smartphone è in prestito e la durata dipenderà dal comportamento, come la patente del motorino che viene ritirata se si sbaglia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Istruzione, in Italia pochissimi laureati. Questo Paese si avvia all’obsolescenza (programmata)

next
Articolo Successivo

Insegnanti sostegno, nel 2019 crescono ancora i disabili. Ma sulle 14mila e 500 assunzioni previste, ne sono state fatte solo 2500

next