“L’esempio dei nostri caduti rappresenta un vincolo morale per la continuità del contributo del nostro Paese nei diversi ambiti: le donne e gli uomini presenti nelle diverse aree di conflitto sanno di poter contare sul concorde sostegno del popolo italiano“. Sono le parole che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rivolto in un messaggio al Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, in occasione della Giornata dedicata ai caduti militari e civili nelle missioni internazionali, che si celebra lo stesso giorno (12 novembre) della strage di Nassiriya del 2003, in cui morirono 28 persone: 19 italiani (12 carabinieri, cinque soldati e due civili) e 9 iracheni.

Il capo dello Stato ha voluto rivolgere un pensiero “a tutti coloro che hanno perso la vita, impegnati nella pacificazione delle aree di crisi, per sconfiggere il terrorismo e consentire alle popolazioni oppresse un orizzonte di speranza”. Ha sottolineato che “i conflitti e le tensioni, spesso provocati e sostenuti da forme di terrorismo transnazionale rivolte a sovvertire i principi di convivenza, rispetto dei diritti umani, libertà, vedono impegnata l’intera comunità internazionale per affrontare sfide insidiose contro l’umanità”.

“Lo slancio e l’altruismo di quanti hanno donato la propria vita per il bene comune è fonte di riflessione per tutti i cittadini, che nel loro agire quotidiano sono chiamati ad un contributo egualmente prezioso per la civile convivenza e il progresso della comunità nazionale e internazionale – ha proseguito il capo dello Stato – Ai familiari dei caduti esprimo la sentita riconoscenza della Repubblica e i sentimenti della mia affettuosa vicinanza”. Solo pochi giorni fa, il ferimento di cinque militari italiani vicino a Kirkuk, in Iraq. Stavano svolgendo attività di addestramento (“mentoring and training”) in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liliana Segre, folla al presidio per la senatrice: “Oltre 5mila persone al museo della Shoah”

prev
Articolo Successivo

Genova, bimbo di tre anni ha un malore per strada: muore al pronto soccorso

next