Un capo militare della jihad islamica palestinese, Baha Abu al-Ata è stato ucciso questa notte. Ad affermarlo un comunicato militare di Israele che specifica che “la sua abitazione è stata attaccata in una operazione congiunta delle nostre forze armate e dei servizi segreti”. Anche la radio militare ha confermato la morte del leader. L’emittente ha aggiunto che la stessa jihad islamica ha confermato la sua morte. “Era responsabile di molti attentati e di lanci di razzi verso Israele avvenuti negli ultimi mesi. Era pronto a compiere nuovi attentati nell’immediato”, ha affermato il premier israeliano Benjamin Netanyahu in un comunicato. Ora nella zona lo stato di allerta è elevato. La stessa Jihad islamica ha promesso una “reazione” che farà “tremare l’entità sionista”. “Israele ha oltrepassato tutte le linee rosse. Reagiremo con forza”, ha commentato, come riportano i media locali, il leader politico Ziad Nahale. Le sirene di allarme arrivano fino a Tel-Aviv.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele, missili contro 2 capi della Jihad a Gaza e Damasco. Hamas: “Risposta senza limiti”. Idf invia blindati e fanteria a ridosso della Striscia

next
Articolo Successivo

Riyad, 33enne yemenita accoltella tre artisti durante uno spettacolo. L’incursione sul palco

next