Le armi legalmente detenute, nel 2018, hanno ucciso più di mafia e rapinatori. È quanto emerge dalla comparazione tra i dati sui “delitti denunciati dalle forze di polizia all’autorità giudiziaria” pubblicati venerdì dall’Istat e il numero di omicidi con armi registrate elencati dall’Osservatorio permanente sulle armi leggere (Opal Brescia). Nella tabella Istat si legge infatti che sia gli “omicidi volontari commessi a scopo di furto o rapina” (12 in totale) che quelli “di tipo mafioso” (19) messi insieme raggiungono 31 casi, 18 in meno dei 49 omicidi volontari con armi legalmente detenute. “A questo numero, inoltre, potrebbero essere aggiunti anche i casi di suicidio commessi con armi registrate e legittimamente detenute”, aggiunge Giorgio Beretta, analista di Opal. Perché, come spiega anche Stefano Iannaccone nel suo libro Sotto Tiro, quando scatta il raptus omicida o l’idea del suicidio “avere un’arma da fuoco a disposizione può fare la differenza tra la vita e la morte”.

I numeri presentati dall’Istat forniscono anche un’altra informazione che Beretta mette in evidenza: dal 2006, sia gli omicidi mafiosi che quelli per furto o rapina sono ai minimi storici, in costante calo da 12 anni a questa parte. “La mafia, lo sappiamo, si è trasformata e non ammazza più come prima, o almeno non con le stesse modalità – continua l’analista – A fronte delle migliaia di rapine ogni anno, inoltre, solo in 12 casi il fatto si è concluso con un omicidio. Questo ci dice che durante una rapina non si muore quasi mai”. Quindi, conclude, “un allargamento delle maglie sulla detenzione di armi come quello favorito dalla legge sulla legittima difesa non è giustificato”.

Pistole e fucili, inoltre, sono anche l’arma più utilizzata negli omicidi che si compiono all’interno delle mura domestiche. Secondo i dati dell’istituto Eures, nel 2018 sono 65 i casi totali in cui si è ucciso con arma da fuoco, il 40% del totale, contro i 40 casi in cui si è usato un’arma da taglio, i 16 con arma impropria o percosse, i 12 da strangolamento, i 10 da soffocamento e i 5 nella categoria “altri”. Se si allarga lo sguardo al periodo 2000-2018, i numeri in percentuale parlano di una maggioranza di delitti con armi da fuoco (32%), seguiti da quelli con arma da taglio (31%) e da quelli con arma impropria o con percosse (15%). “Contrariamente a quello che si può pensare, l’arma da fuoco è il mezzo più usato per gli omicidi tra le mura di casa – continua Beretta – Mentre l’allargamento delle maglie è inutile per prevenire le irruzioni nelle abitazioni o nelle proprietà private, non si considera l’effetto collaterale di pistole o fucili in questi altri casi. E molte di queste sono detenute legalmente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marghera, la “droga di Hitler” per sostenere i turni massacranti: così i lavoratori a 6 euro all’ora non perdono il posto

prev
Articolo Successivo

Riace, il Comune (ora a guida leghista) fa trasferire l’ambulatorio sociale. Il battibecco tra il sindaco e il cronista del Fatto

next