Chiusura, chiusura“. Movimenti e associazioni hanno accolto Giuseppe Conte, arrivato a Taranto per la crisi dell’ex Ilva, invocando lo stop dell’attività dello stabilimento. Il presidente del Consiglio, a sorpresa, ha incontrato gli operai riuniti in una sala della fabbrica. “Il governo ha già detto alla proprietà (ArcelorMittal, ndr) che i contratti si rispettano” ha esordito Conte, applaudito dai lavoratori. “Qui non è questione di scudo. È questione di risolvere la situazione e avere un progetto per questa comunità. Da qui deve partire il rilancio della città“. Il capo dell’esecutivo ha toccato il tema del lavoro e quello della salute, citando il desiderio degli operai di volere un’occupazione e la contemporanea frustrazione nel sapere che l’attuale lavoro provoca danni ai familiari: “In famiglia litigate coi parenti, perché vi dicono di chiudere la fabbrica. Ma voi avete diritto a entrambe le cose: al lavoro e alla salute”.

Conte ha annunciato che con Arcelor “la battaglia giudiziaria sarà sanguinosissima. Se si viene in Italia, si partecipa a un bando e si vince, poi i contratti devono essere rispettati”. Sul futuro dell’ex Ilva, ha detto: “Dobbiamo creare le premesse perché l’attività produttiva sia consonante con la comunità locale. Lì fuori (dove manifestavano movimenti e associazioni, ndr) c’è rabbia. E hanno ragione. Il rilancio deve tenere conto della salute, dell’impatto ambientale e della sicurezza. Porteremo una serie di progetti per Taranto, ci rivederemo”. Nel video, il suo intervento integrale.

Video Facebook/Francesco Brigatti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, Conte incontra gli operai in fabbrica: l’applauso dei lavoratori al premier

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, Cazzola choc: “Taranto uccisa dalle Procure, lì c’è una magistratura famelica. Anche questa menata dei bambini che muoiono…”

next