I due nuovi smartphone di fascia entry level LG K40S e K50S, già visti al debutto all’IFA di Berlino di quest’anno, sono ora disponibili anche in Italia, dove sono commercializzati a un prezzo pari rispettivamente a 149,90 e 199,90 euro.

Dotati di Android Pie 9.0 e del tasto diretto per accedere rapidamente all’assistente Google, i due nuovi dispositivi puntano tutto sul comparto fotografico, dotato di tre o quattro obiettivi e intelligenza artificiale, ampi display e batteria con elevata autonomia, sempre ovviamente in riferimento alla fascia di prezzo.

Per quanto riguarda la componente fotografica, troviamo infatti quattro obiettivi nel caso di K50S e 3 per K40S, tutti gestiti da algoritmi di intelligenza artificiale per la scelta dei vari parametri a seconda della scena ripresa e per il riconoscimento dei soggetti. Da segnalare in entrambi i casi la presenza di un obiettivo ultra-grandangolare con campo visivo di 115° per il K50S e 117° per il K40S, una caratteristica ancora inedita per smartphone di questa fascia di prezzo.

Scendendo più nel dettaglio, l’LG K50S offre una fotocamera principale con sensore da 13 MP e auto focus a rilevamento di fase (PDAF) e appunto un secondo sensore da 5 Mpixel abbinato a una lente ultra-grandangolare, in grado anche di offrire ritratti con sfondo sfocato (o effetto bokeh) in modalità ritratto, in questo caso sfruttando le informazioni sulla profondità fornite dalla terza fotocamera da 2 MP. A questi obiettivi si aggiunge infine la fotocamera anteriore da 13 MP per i selfie.

Sull’LG K40S invece troviamo tre fotocamere, due posteriori e una frontale. Sul retro c’è l’obiettivo principale con visuale standard, basato su un sensore da 13 MP, sempre con auto focus di tipo PDAF, e la fotocamera ultra-grandangolare da 5 MP, mentre frontalmente troviamo una selfie camera da 13MP.

Come detto poi entrambi gli smartphone offrono anche ampi display. L’LG K40S, infatti, è dotato di uno schermo da 6,1 pollici con risoluzione HD+, mentre l’LG K50S vanta un display ancora più ampio, da 6,5 pollici, sempre con risoluzione HD+. Il terzo cardine su cui poggia questa nuova famiglia di smartphone economici è l’autonomia, grazie a batterie rispettivamente da 3500 mAh (K40S) e 4000 mAh (K50S).

I due smartphone, capaci di soddisfare il protocollo di resistenza militare statunitense MIL-STD-810G superando ben sei test, sono anche dotati di doppio slot per la SIM e di uno slot indipendente per l’espansione di memoria fino a 2 TB tramite MicroSD. Tra le altre caratteristiche infine ricordiamo la dotazione hardware, formata da un processore octa-core da 2 GHz, abbinato a 2 GB (K40S) o 3 GB (K50S) di RAM e 32 GB di memoria interna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vimar View IoT Smart Systems per agevolare la gestione degli impianti intelligenti negli edifici

prev
Articolo Successivo

I3P del Politecnico di Torino: il primo incubatore pubblico del mondo

next