Cina e Usa hanno raggiunto un accordo per la riduzione “graduale” dei dazi che erano stati posti reciprocamente per penalizzare le importazioni di prodotti. L’annuncio è stato dato all’agenzia Bloomberg da Gao Feng, portavoce del Governo di Pechino, senza fornire ulteriori dettagli sull’intesa. Cina e Usa, ha detto Gao, “nelle scorse due settimane hanno condotto serie e costruttive discussioni per affrontare le specifiche preoccupazioni” e hanno raggiunto un “accordo in base al quale vorrebbero rimuovere le tariffe aggiuntive per fasi, per stabilizzare le aspettative di mercato e portare benefici alle economie di Cina, Stati Uniti e del mondo, e benefici ai consumatori e ai produttori”. La guerra tariffaria con gli Usa, haconcluso Gao, “sarà terminata quando tutte le tariffe saranno eliminate”.

Intanto la notizia è stata accolta con entusiasmo dalle Borse: in positivo non solo i listini asiatici, ma anche quelli europei che oggi hanno aperto tutti con il segno più. Milano (Ftse Mib +0,9%) è in testa, spinta dalle trimestrali di Unicredit (+4,55%), Generali (+3,63%) e da Pirelli (+2,46%) esposta sulla Cina. Seguono Francoforte (+0,7%), Madrid (+0,5%), Parigi e Londra (+0,3% entrambe). Al rallentatore la produzione industriale tedesca in settembre (-0,6%), mentre sono salite le vendite al dettaglio in Italia (+0,7%) e la Bce ha diffuso il tradizionale Bollettino Economico mensile. Positivi anche i futures su Wall Street, in vista delle richieste settimanali di sussidi e del rilascio di credito al consumo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, che cosa cambia per proprietari di casa e inquilini: bonus facciate, detrazioni per chi ristruttura e fusione di Imu e Tasi

next
Articolo Successivo

Conti pubblici, Ue: “Incertezza su gettito da misure anti-evasione. Nel 2020 pil a +0,4%”. Italia ultima per crescita, Berlino penultima

next