La sicurezza degli altoparlanti intelligenti fa di nuovo notizia. Dopo gli scandali sull’impiego di personale umano per “origliare” le conversazioni, a tenere alta la preoccupazione questa volta ci pensa una ricerca dell’Università del Michigan. I suoi ricercatori hanno scoperto che si possono impartire comandi e controllare da remoto i dispositivi con assistente vocale, usando un raggio laser.

Sul banco degli imputati tornano quindi i cosiddetti smart speaker, o altoparlanti intelligenti. Ma non solo: il “trucchetto” del laser funzionerebbe anche con smartphone dotati di assistente vocale, tra cui iPhone XR, Samsung Galaxy S9, Google Pixel 2, e con un iPad di sesta generazione.

La scoperta dei ricercatori è che i microfoni degli altoparlanti intelligenti possono interpretare come suoni le variazioni di frequenza di un laser, a patto che questo sia puntato direttamente nella loro direzione e che se ne possa ‎modificare l’intensità. Una tecnica che è stata battezzata Light Commands, e che permetterebbe di impartire ai dispositivi comandi di qualsiasi tipo.

Per chiarezza, non si pensi che chiunque, con un laser portachiavi da pochi euro, possa portare avanti un’azione come quella descritta. Occorrono materiali che costano circa 500 dollari e che sono facili da trovare (anche online), ma difficili da assemblare.

Fortunatamente ci sono alcune limitazioni che possono aiutare gli utenti a tutelarsi. Prima fra tutte il fatto che per usare i Light Commands il dispositivo dev’essere a vista, e il malintenzionato deve poter indirizzare il raggio laser in linea retta verso i microfoni. Il laser attraversa i vetri, ma non i muri o gli oggetti di arredamento, quindi per evitare problemi basta posizionare gli smart speaker lontano dalle finestre. In alternativa, anche un banale tendaggio è sufficiente per schermare il raggio.

Ovviamente la soluzione ideale sarebbe che i produttori adottassero misure di sicurezza adeguate. Basterebbe, ad esempio, che il comando vocale sia qualificato come valido se captato almeno da due microfoni. Optando invece per una soluzione hardware, sarebbe sufficiente una schermatura luminosa davanti ai microfoni.

È da dire che questo tipo di prodotti è relativamente nuovo, e che non sono ancora stati compresi tutti i rischi, e i conseguenti accorgimenti da adottare per difendersi. Google e Amazon hanno messo mano al documento tecnico pubblicato dai ricercatori e lo stanno studiando. Apple e Facebook per ora non hanno commentato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

MSI Alpha 15 sono i nuovi notebook per gli appassionati di giochi con prezzi da 1.199 euro

prev
Articolo Successivo

L’Ospedale Fatebenefratelli di Roma ha promosso una campagna di prevenzione della fibrillazione atriale grazie all’Apple Watch

next