Gli appassionati di fotoritocco finalmente possono festeggiare la disponibilità di Adobe Photoshop per iPad con sistema operativo iPadOS. L’app è concessa in prova gratuita per i primi 30 giorni, poi è necessario sottoscrivere un abbonamento mensile Creative Cloud pari a 10,99 euro. Sono esonerati coloro che sono già titolari di un abbonamento Creative Cloud, che potranno semplicemente installare l’app e accedervi con le proprie credenziali di Creative Cloud. Sono previsti anche acquisti in app.

L’esordio di questa app era atteso da lungo, dato che fu annunciata nel 2018. La prima novità di grande rilievo è il pieno supporto per la penna Apple Pencil. Solo con questo strumento si potrà beneficiare delle funzioni più avanzate. Qui emerge una delle prime controindicazioni: fra gli iPad supportati dall’app ci sono anche modelli, come iPad Air 2, che non supportano alcuna penna. In questo caso si potranno usare solo alcune delle funzioni.

Gli altri modelli supportati sono: iPad Pro di ultima generazione, iPad Pro da 12,9 pollici di seconda generazione. iPad Pro da 10,5 pollici, iPad Pro da 9,7 pollici, iPad di quinta generazione e iPad Mini 4.

Al contrario di Photoshop Express, il nuovo Photoshop per iPad consente di lavorare su file PSD completi, compresi i livelli. Sfruttando lo schermo touch si potranno usare il pennello e la selezione rapida. Per una migliore interazione fra dispositivi, si potranno salvare i file direttamente su cloud in modo da accedere al lavoro anche dal desktop.

Fra le novità in via di realizzazione potrebbe esserci anche l’editor di grafica Illustrator, che però non esordirà prima del prossimo anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova app gratuita per usare file di Microsoft Office su Android

next
Articolo Successivo

Internet Archive aiuta Wikipedia a pubblicare fonti affidabili e verificate

next