C’è chi l’ha chiamata la Xylella del Nord, la cimice asiatica, insetto alieno arrivato dall’Estremo Oriente nel 2012, sta mettendo in ginocchio l’agricoltura italiana. A essere colpita è soprattutto la frutticoltura: secondo un calcolo del Centro servizi ortofrutticoli di Ferrara, solo sul comparto pere e pesche il danno è già di 356 milioni di euro, mentre si stima siano andate perse circa 486mila giornate di lavoro. Per fermare l’insetto il governo sta valutando la lotta biologica e l’utilizzo di insetti utili che lo contrastino. Nonostante sia aumentato, soprattutto in Pianura Padana, l’utilizzo di pesticidi dall’arrivo della cimice asiatica, ciò non è servito a fermarne l’avanzata. Siamo entrati nella più grande biofabbrica italiana per capire come vengano prodotti gli insetti utili. La sede di Bioplanet si trova a Cesena, lì si producono milioni di insetti l’anno. Il loro utilizzo limita la necessità di usare pesticidi per provare a salvare raccolti e posti di lavoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Plastica, raccolta differenziata serve a poco: metà dei rifiuti separati va in inceneritore. “Soluzioni? Meno consumi e più riuso”

prev
Articolo Successivo

World Vegan Day, perché siamo tutti destinati a non mangiare più carne

next