Anche la Nasa festeggia Halloween. A modo su. L’agenzia spaziale ha (ri)pubblicato sul suo profilo Facebook la foto, scattata dal Solar Dynamics Observatory, del sole con le sembianze di una zucca. E accompagnata dalla scritta: “Anche la nostra stella celebra la stagione spettrale. Nel 2014, le regioni attive del Sole hanno assunto le sembianze di una zucca di Halloween che è stata osservata dal nostro satellite Solar Dynamics Observatory grazie alla luce ultravioletta“.

Il sole nella foto ha occhi, naso e ghigno inquietante esattamente come richiede la tradizione. Così la stella, immortalata nello scatto dell’8 ottobre 2014, è stata fin da subito ribattezzata “Pumpkin Sun“, ossia “Sole-zucca”. Alla base però ci sono delle spiegazioni scientifiche: il curioso effetto che dà l’impressione di vedere un viso sulla faccia del Sole è dovuto, spiegano dalla Nasa, alle regioni attive, che bruciano più intensamente di altre e, dunque, emettono più energia. In altre parole: il fenomeno è legato alla presenza di più campi magnetici sospesi nell’atmosfera del sole, la corona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cambiamenti climatici, “a rischio anche la stabilità del sistema finanziario”

prev
Articolo Successivo

Morbillo, così cancella la memoria del sistema immunitario. Lo studio su bimbi non vaccinati

next