“Mi aspettavo un appoggio dal Movimento 5 stelle nazionale, mi aspettavo che Imola fosse come un salotto dei big, perché siamo il terzo comune più grande amministrato dal movimento. Poi, la doccia fredda: quando sono andata a chiedere aiuto su alcune questioni importanti, ho ricevuto delle risposte imbarazzanti”. Lo ha detto, in un’intervista all’emittente locale ÈTv, Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola eletta nel 2018 con il Movimento 5 stelle che ieri ha annunciato le proprie dimissioni. “C’è stato un muro e in buona parte ha contribuito Massimo Bugani. Dovevo fare il burattino, per 15 mesi sono stato un sindaco commissariato. Quando entravo in Comune era come entrare nella foresta dei pugnali volanti

courtesy E’TV Bologna

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Umbria, Verini (Pd): “Di Maio sbaglia a parlare di esperimento fallito. Dobbiamo ragionare insieme per competere con la destra”

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, l’avvocato di Tedesco: “Non è rimasto inerte davanti al pestaggio. Piccola rondella di un ingranaggio potente”

next