Il governo ha posto la fiducia sul decreto Imprese anche alla Camera, dopo che una settimana fa il provvedimento è passato al Senato. Lo annuncia all’assemblea di Montecitorio il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà. La capigruppo della Camera ha stabilito che domani dalle 16 si svolgeranno le dichiarazioni di voto e l’appello per votazione nominale avrà inizio alle 17:30. Il termine per la presentazione degli odg è stato fissato alle 11 di domani mattina. Il decreto va convertito entro il 5 novembre.

La settimana scorsa su richiesta di un gruppo di deputati M5s è stata stralciata la contestata norma sull’immunità penale per i gestori dell’ex Ilva di Taranto. Approvato “salvo intese” in uno degli ultimi Consigli dei ministri del governo Lega-M5s, il decreto è stato firmato nei primi giorni di settembre dal presidente della Repubblica.

La nuova maggioranza si è accordata per la conferma dell’articolo che aumenta le tutele per i ciclofattorini, nonostante le proteste di diversi gruppi di rider. Per tutti è previsto il superamento del cottimo, una paga agganciata ai contratti collettivi e tutele sanitarie e previdenziali. Poi per quanti portano piatti pronti in sella a una bici con regolarità, insomma per i rider di professione, scatta il trattamento da lavoro subordinato. Quindi un doppio binario: un nocciolo di garanzie che vale per chi svolge l’attività occasionalmente e le condizioni del lavoro dipendente per quanti sono impiegati in modo continuativo. Due le scadenze stabilite nel decreto: l’obbligo di copertura Inail dopo tre mesi dell’entrata in vigore e il compenso minimo dopo dodici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Imola, M5s nel caos dopo le dimissioni della sindaca: “Il Movimento è morto”. Dietro al passo indietro faide interne e alleanza col Pd

prev
Articolo Successivo

Brunetta e l’appello a Salvini: “Può essere leader del centrodestra unito e allargato. Faccia il federatore, proprio come Berlusconi nel 1994”

next