“La tregua in Siria è una farsa, la guerra non è finita e si continua a morire”. Sono queste le parole di una cittadina curda che da anni vive in Italia e che ieri ha marciato insieme a migliaia di persone per le vie di Milano conclusosi con un “assedio popolare” al consolato turco. Qui. dopo aver bruciato un manichino con il volto di Erdogan, è partito un lancio di petardi e fuochi d’artificio verso la sede diplomatica. Ma nel mirino dei manifestanti c’è anche il ruolo dell’Europa che viene considerata da molti attivisti come la “grande assente” in questo movimento del conflitto. “Dobbiamo inchiodare i governi europei alle proprie responsabilità: l’unica cosa da fare è isolare economicamente e politicamente Erdogan e la Turchia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sinodo sull’Amazzonia, arriva il sì ai preti sposati. Resta il no alle donne diacono. “Ma il celibato rimane dono di Dio”

next
Articolo Successivo

Milano, decolla primo volo da Linate. Dopo tre mesi di lavori ha riaperto il city airport

next