Rating e outlook confermati: Standard&Poor’s non cambia il proprio giudizio sull’Italia (BBB e outlook negativo) ma promuove l’iniziale azione del governo: da quando si è insediato sono stati compiuti “progressi su vari fronti” e i target fissati nella Manovra sono “credibili”. Per Roma la sfida – osserva l’agenzia di rating – è come aumentare l’occupazione e la crescita a fronte dei vincoli di bilancio e politici di vecchia data.

La crescita, secondo Standard&Poor’s, resta però al palo: il pil è atteso crescere quest’anno dello 0,1% e il prossimo dello 0,4%, rendendo l’Italia “il terzo Paese con crescita più bassa” fra quelli seguiti dall’agenzia “dopo Turchia e Argentina”. Alla base della debole perfomance ci sono “numerose” ragioni, dalle rigidità del mercato del lavoro al peso delle tasse sull’economia formale, dall’invecchiamento della popolazione alle banche che continuano ad avere a che fare con elevati livelli di non performing loan.

Le stime di crescita di Standard&Poor’s incorporano il reddito di cittadinanza, il cui impatto sarà di 0,2 punti percentuali al pil quest’anno e il prossimo, mentre gli investimenti pubblici contribuiranno per altri 0,1 punti percentuali al pil durante il 2019.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Fisco, obbligo Pos: nella bozza finale primo intervento sulle commissioni. Esercenti potranno usare il 30% in credito d’imposta

next
Articolo Successivo

Tv, il gruppo francese Banijay compra Endemol Shine: nasce la più grande società di produzione europea

next