Minecraft è senza dubbio uno dei giochi più celebri dell’inizio del decennio, con i suoi mondi formati da cubi e parallelepipedi arrivati inizialmente su PC approdare anche su console, smartphone e tablet, giungendo addirittura tra i banchi di scuola grazie all’Educational Edition.

Se gameplay e mod sono stati negli anni il punto di forza del titolo di Mojang, altrettanto non si può dire della grafica, caratterizzata da texture semplici applicate ad oggetti in maggioranza cubici o comunque composti dall’unione di vari poligoni (personaggi di gioco inclusi). NVIDIA qualche mese fa ha annunciato di star collaborando con Mojang e Microsoft per portare anche su Minecraft i vantaggi delle tecnologie RTX, migliorando l’aspetto dei mondi di gioco grazie ad effetti di luce, ombre e riflessi più realistici; nel video si può vedere quanto le tecnologie del celebre produttore di GPU riescano a far percepire diversamente le varie aree di gioco, senza fondamentalmente variare il modo in cui sono costruite.

Ad oggi non esiste ancora una data di rilascio ufficiale per il supporto ad RTX in Minecraft, ma quanto abbiamo potuto osservare fa ben sperare per il risultato finale, anche se i puristi potrebbero storcere un po il naso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone LG G8X ThinQ con doppio schermo arriva in commercio dal 1 novembre

prev
Articolo Successivo

Gillette Bomber Cup, intervista agli organizzatori del torneo di Fortnite

next