L’Italia abbraccia la svolta ecosostenibile partendo dai mutui. Il report “Hypostat 2019” elaborato dall’European Mortgage Federation mostra come il nostro Paese sia in prima fila nel progetto Energy Efficient Mortgage plan, che punta a creare un mercato dei prestiti verdi a livello comunitario. Come rilevato da un articolo di Immobiliare.it, si tratta di mutui che potranno essere richiesti per acquisto di immobili efficienti dal punto di vista energetico o ristrutturazioni volte a ridurre i consumi degli edifici.

Un progetto continentale

Al momento nella zona Ue sono 47 le banche coinvolte in questa iniziativa, di cui ben 10 italiane. Altri Paesi che vantano una presenza importante sono il Belgio, con 8 istituti di credito, seguito da Francia e Germania con 4 ciascuno. Insieme rappresentano il 50% del totale dello stock di mutui attivi in ambito comunitario, per una somma che si aggira attorno ai 3.600 miliardi di euro.

In Europa sono già disponibili trenta prodotti di questo tipo, i cui criteri devono tuttavia ancora essere definiti in modo preciso. D’altronde non è semplice arrivare a stabilire standard e parametri che possano essere considerati validi in tutta l’Ue. Anche perché è fondamentale che le banche si adeguino e dunque è necessario aiutarle perché rinnovino strutture e personale.

Ma cos’è un mutuo verde?

Questo termine indica un prestito per famiglie e imprese intenzionate ad acquistare, costruire o ristrutturare edifici residenziali o immobili commerciali che presentino performance energetiche già in linea con i requisiti di legge dell’Unione europea o dove sia possibile un miglioramento dell’efficienza pari al 30%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Surroga del mutuo: come funziona e come richiederla

prev
Articolo Successivo

Facciata termoattiva: come funziona e quali vantaggi porta

next