Per adesso è solo un brevetto, ma verrà presto utilizzata per la riqualificazione di edifici pubblici vicino a Pavia: si tratta della facciata termoattiva che, come riporta un articolo di Immobiliare.it, permetterà di risparmiare sui costi della bolletta e ridurre l’impatto ambientale delle nostre case.

Una tecnologia innovativa

Messa a punto dallo studio DBM di Sesto San Giovanni, la facciata termoattiva sfrutta la capacità di muri e pareti di accumulare il caldo e il freddo in modo naturale ed è composta da una serie di elementi: un sistema di serpentine all’interno delle quali scorre acqua a una temperatura che varia in base alle esigenze; un particolare intonaco, brevettato appositamente dalla società Cugini di Bergamo, che evita le dispersioni e mantiene costante la temperatura fra i 25 e i 30 gradi; uno strato isolante e, a regolare il tutto, un impianto solare termico a cui si aggiungono strumentazioni domotiche.

Quali vantaggi?

A fronte di un investimento iniziale piuttosto importante (circa 120 euro al metro quadrato, il doppio rispetto a un cappotto tradizionale, a cui bisogna aggiungere il costo dell’impianto solare), si possono abbattere i consumi dell’edificio al punto da rendere superflua la caldaia stessa. Anche per questo il rientro dell’investimento si calcola in 6 o 7 anni, mentre per una copertura tradizionale bisogna aspettarne 13.

Non tutti gli immobili sono adatti

Come spiega l’architetto De Giovanni dello studio DBM, «più la muratura dell’immobile preesistente è massiva, più il risultato che si ottiene sarà efficiente». Ecco perché si prestano a questo tipo di riqualificazione gli edifici con struttura in cemento o in mattone pieno mentre non sono adatti quelli in legno o isolati. Quanto alle facciate storiche, il motivo che impedisce di sfruttare la facciata termoattiva è più che altro legato alla difficoltà di riprodurre forme e decori originari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mutui verdi: banche italiane in prima fila nel progetto europeo

prev
Articolo Successivo

Luce e gas: a fine 2019 bollette più pesanti per le famiglie

next