“Sono l’unica italiana in un vagone pieno di stranieri, tutti di colore. Tutti sprovvisti di biglietto”. La senatrice della Lega Stefania Pucciarelli e presidente della Commissione per i diritti umani in Senato ha diffuso sulla pagina Facebook un video in cui racconta il suo viaggio in treno da La Spezia a Torino. La senatrice accompagna il video girato in modalità ‘selfie’ con il messaggio: “Unica italiana in un vagone di stranieri privi di biglietto. Grazie Pd. Grazie Renzi. E ora grazie a Giuseppi e ai 5S”.

La senatrice, già nota per alcuni post sui social contro rom e migranti, è stata eletta alla guida della Commissione (al posto che era di Luigi Manconi) circa un anno fa, nel novembre del 2018 grazie ai voti di lega e Movimento 5 stelle. E sono gli stessi componenti del Movimento 5 stelle che ora, dopo la pubblicazione del video, la definiscono “inadeguata” alla presidenza. Il filmato, scrivono in una nota i componenti della Commissione, “suscita grande imbarazzo e pone con urgenza la questione dell’opportunità etica di questa presidenza. Chiaramente condanniamo – proseguono – chiunque scelga di non pagare il biglietto di un treno, italiano o straniero fa poca differenza. Una differenza che invece la presidente rimarca tanto da sottolineare anche che gli stranieri presenti sul vagone sono ‘tutti di colore’. La Pucciarelli – concludono – che votammo anche noi come presidente della Commissione, con questi comportamenti mette pesantemente a rischio i lavori della Diritti Umani. Tutelare i diritti umani vuol dire tutelare i più deboli ed è certamente difficile farlo con chi pensa di far distinzioni razziali quando prende un treno”. Il regolamento prevede che la presidente della Commissione non possa essere sfiduciata. Il suo ruolo potrà essere messo in discussione solo a metà mandato (quindi nel 2021) quando i membri dovranno confermare o negare la fiducia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Russiagate, Conte riferisce al Copasir: “Mai parlato con Barr. Nostri 007 estranei al caso”. Poi a Salvini: “Chiarisca su Savoini a Mosca”

prev
Articolo Successivo

Russiagate, Conte: “Io ho detto la mia verità, ora Salvini chiarisca su Savoini e su incontri con intelligence e autorità russe”

next