Adescava minorenni sui social e si faceva mandare foto dal contenuto pedopornografico. Dietro all’account social di un agente assicurativo di vent’anni c’era il docente di una scuola media in provincia di Novara, ora in carcere dopo l’inchiesta della Procura di Novara. A far scattare le indagini nei suoi confronti è stata la denuncia dei genitori di una ragazzina vittima del professore: secondo l’accusa l’uomo entrava in contatto con le giovani e proponeva loro di incontrarsi e di avere dei rapporti sessuali. Per gli inquirenti in un caso l’insegnante era anche arrivato ad abusare una di ragazza non ancora sedicenne.

“Una volta in possesso – spiega la dirigente della Mobile, Valeria Dulbecco – del materiale pedopornografico lo condivideva con altri attraverso siti specializzati”. Così per il professore sono scattate le manette. Le indagini della polizia restano ancora aperte per accertare ulteriori particolari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, 19enne morta in discoteca: tre indagati, fra cui il legale rappresentante del locale e il presunto spacciatore

next
Articolo Successivo

Cosenza, falsi corsi operatore socio sanitario a Castrovillari: 6 arresti. Un truffato si è ucciso, Procuratore: “Ipotesi di istigazione al suicidio”

next