La campionessa belga paralimpica Marieke Vervoort ha scelto l’eutanasia: come è stata confermata da un comunicato della sua citta, Diert, è morta a 40 anni. Aveva vinto un oro e un argento nella corsa in carrozzina alle Paralimpiadi di Londra 2012 e altre due medaglie (argento e bronzo) a Rio de Janeiro 2016. Proprio durante i Giochi di Rio di tre anni fa, l’atleta aveva annunciato l’intenzione di ricorrere alla pratica, che in Belgio è legale, se le sue condizioni degenerative avessero aggravato la sua sofferenza. “Mi sto ancora godendo ogni piccolo momento. Quando arriverà il momento in cui i brutti giorni supereranno i giorni belli, ho pronti tutti i documenti per l’eutanasia. Ma quel tempo non è ancora arrivato“, aveva raccontato durante le Olimpiadi.

Vervoort soffriva di una malattia degenerativa muscolare che le causava dolore costante e paralisi alle gambe. Una condizione che le permetteva a malapena di dormire. La malattia le era stata diagnosticata a 14 anni, ma non le ha impedito di praticare una vita sportiva, prima giocando a basket su sedia a rotelle, poi dedicandosi a nuoto e triathlon. La belga aveva vinto l’oro nei 100m e l’argento nei 200m in carrozzina ai Giochi Paralimpici di Londra del 2012, oltre all’argento nei 400 e il bronzo nei 100 in Brasile quattro anni dopo. A quel punto, però, la sua vista era peggiorata e soffriva di attacchi epilettici.

Vervoort aveva firmato i documenti per poter ricorrere all’eutanasia già nel 2008. Sempre a Rio aveva detto che l’accesso alla morte assistita legale le ha dato il coraggio di continuare a vivere per tutto il tempo che ha avuto, e aveva insistito sul fatto che la pratica non dovrebbe essere definita come “omicidio”. “Dà una sensazione di riposo alle persone. Se non avessi ottenuto quei documenti – aveva spiegato – penso che mi sarei già suicidata, perché è molto difficile vivere con così tanto dolore e sofferenza e questa insicurezza”. “Quando una persona firma quelle carte non significa che debba morire due settimane dopo. Io ho firmato nel 2008 e guardatemi ora, ho vinto una medaglia”, aveva aggiunto Vervoort.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sassuolo-Inter, l’invasione di campo arriva dal cielo: uomo atterra con un paracadute durante la partita

next
Articolo Successivo

L’allenamento tra salti e numeri da circo è uno spettacolo: il percorso impossibile vi stupirà

next