“Le multinazionali devono smetterla di saccheggiare il nostro Paese, dovete impedirlo”. È questo l’appello che un centinaio di operai tra cui gli ex lavoratori dell’Embraco hanno rivolto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prima del suo incontro con la sindaca di Torino, Chiara Appendino, con il presidente della Regione, Alberto Cirio, e con i sindacati. Conte si è fermato ad ascoltare le richieste dei lavoratori prima del vertice: “Siamo in mezzo a una strada” raccontano alcuni dei lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri che domani sono attesi al tavolo di crisi convocato al Mise, con Stefano Patuanelli, a Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Inps: sono 982mila le domande accolte su 1,5 milioni presentate. Assegno medio mensile di 482,36 euro

next
Articolo Successivo

Lavoro, la subordinazione può essere anche macchina-uomo. E la tutela va comunque garantita

next