I danni causati dalla cimice asiatica ai produttori ortofrutticoli italiani finiscono al centro di una trattativa tra governo e Commissione europea. Lunedì, al Consiglio agricoltura Ue, l’Italia ha chiesto infatti l’attivazione di misure straordinarie a favore delle organizzazioni dei produttori di ortofrutta quantificando in 500 milioni le perdite subite soprattutto nelle Regioni del Nord a causa dell’invasione dell’insetto che attacca alberi da frutto, mais e soia. Bruxelles “condivide le preoccupazioni dell’Italia” ed è “pronta a valutare la possibilità” di attivare misure straordinarie per aiutare i produttori colpiti, ha detto il Commissario all’agricoltura Phil Hogan rispondendo al documento presentato dall’Italia.

Hogan ha anche ricordato la possibilità per le aziende di accedere a strumenti ordinari della Pac, come i fondi mutualistici o i programmi di sviluppo rurale. Il commissario ha inoltre annunciato la prossima apertura del regime di aiuto per l’ammasso privato dell’olio di oliva a causa della “situazione molto difficile soprattutto in Spagna”. Il politico irlandese ha infine riconosciuto le nuove difficoltà del settore riso, con le importazioni di varietà japonica che hanno sostituito quelle di indica frenate con la clausola di salvaguardia adottata a inizio anno. “La Commissione – ha concluso Hogan – continuerà a seguire da vicino gli sviluppi in questo settore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Modena, la squadra di pallavolo diventa plastic free: per i tifosi bicchieri riutilizzabili e bevande alla spina durante le partite

prev
Articolo Successivo

Lo scorretto smaltimento dei rifiuti industriali continua ad avvelenarci. Serve la tracciabilità!

next