A un passo del portone della scuola c’è una sala slot. Succede a Casoria, 80 mila abitanti, in provincia di Napoli. L’istituto in questione è il “Moscati – Maglione”, una scuola media che si trova in un palazzo di proprietà di un istituto religioso. Il problema è che le suore Stimmatine hanno affittato una parte della loro struttura, adibita a locale commerciale, ad una slot. Nulla di vietato visto che la città non è dotata di un regolamento ad hoc che stabilisca le distanze tra gli istituti scolastici e le sale slot come accade in molte altre città. Resta la questione etica. Il proprietario della slot ha tutti i permessi in regola, non viola nulla ma quella sala a un metro dall’ingresso della scuola non è gradita a molti genitori che si sono ribellati a questa situazione.

Qualcuno ha persino ammesso al quotidiano “Il Mattino” che il figlio sarebbe entrato lì a scommettere”. Un’ipotesi scartata dal proprietario della slot che giura di far entrare solo maggiorenni. “I bambini semmai – ha spiegato – si fermano sulla soglia a giocare con il mio cane che ama carezze e coccole”. A storcere il naso di fronte alle segnalazioni dei genitori è anche la dirigente della scuola che, tuttavia, non ha potuto far nulla di fronte alla decisione delle suore, che senza farsi troppi problemi etici, hanno affittato il locale alla slot. A provare a spiegare la questione ci pensa il primo cittadino, Raffaele Bene che oltre a sedere sulla poltrona di sindaco è avvocato: “Sono stato eletto a maggio, ho verificato le concessioni e sono regolari. Purtroppo manca un regolamento anche perché si è in attesa della regolamentazione regionale”. In Regione la proposta di legge è in sottocommissione dopo la presentazione di diverse proposte arrivate da varie sponde politiche. Ora bisognerà cercare di unificare tutto e provare a scrivere una Legge.

“Preso atto di questo vuoto normativo – spiega Bene – mi attiverò affinché il consiglio comunale possa dotarsi di un regolamento comunale che preveda una distanza. In linea di massima si le distanze si attestano da 200 a 500 metri dalla scuola. La proposta di regolamento dovrà essere vagliata dalla commissione consiliare e dal consiglio”. Lo stesso sindaco, tuttavia, solleva qualche dubbio sulla scelta fatta dalle suore Stammatine: “Preso atto che dal punto di vista normativo non è vietato ma ragioni etiche avrebbero dovuto condurre a scelte diverse”. Intanto la vigilanza da parte dell’amministrazione nei confronti delle sale slot è ai massimi livelli: “Se è vero che qualche minore è entrato nella sala slot, di là del regolamento c’è la norma. Il Comando dei vigili sta già facendo delle verifiche; nel caso specifico se si dovesse verificare che qualche minore entra nella slot vicino alla scuola si prenderanno i provvedimenti del caso”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trieste, 17enne accoltellato: fermato un 15enne nordafricano che ha confermato l’aggressione. Da valutare la posizione di un 18enne kosovaro

next
Articolo Successivo

Migranti, in 200 sono sbarcati a Lampedusa nelle ultime ore: hotspot al collasso. Assegnato porto sicuro all’Ocean Viking: in 176 a Taranto

next