Due piattaforme occupate, in segno di protesta, contro l’inquinamento. Alcuni attivisti di Greenpeace hanno “scalato” due strutture petrolifere della compagnia Sheel, che avrebbe pianificato di smantellare le vecchie piattaforme nel Mare del Nord, stando a quanto sostengono da Greenpeace, rimuovendo solo la porzione aerea e lasciando sul posto le basi delle stesse, contenenti acque e sedimenti contaminati da 11mila tonnellate di petrolio. Gli attivisti hanno esposto gli striscioni con scritto “Shell, ripulisci il tuo pasticcio” e “Basta inquinare gli oceani”.

“I piani di Shell sono vergognosi e devono essere fermati. Con l’avanzare dell’emergenza climatica, la perdita di biodiversità e l’estinzione delle specie, abbiamo più che mai bisogno di oceani sani per far fronte ai cambiamenti climatici: queste migliaia di tonnellate di petrolio prima o poi inquineranno irrimediabilmente i nostri mari” dichiara Alessandro Giannì, direttore campagne di Greenpeace Italia. “L’Italia non è messa meglio. Bisogna attuare il piano di dismissione delle 34 piattaforme per l’estrazione degli idrocarburi individuate nel ‘Programma italiano di attività per le dismissioni piattaforme offshore’, redatto a fine 2018 dopo due anni di confronto tecnico tra Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dell’Ambiente, Mibact, Assomineraria (l’associazione di categoria dei petrolieri) e associazioni ambientaliste”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bicycles Will Save the World, una coppia di ricercatori (con la loro cagnolina) lascia il lavoro per disegnare pedalando una bici sull’Europa

next
Articolo Successivo

Idrogeno, la sfida legata alla sostenibilità di eolico e fotovoltaico. Dai treni alle auto, la Germania guida la rincorsa Ue a Cina e multinazionali

next