Proprio alla vigilia dell’invasione turca, due giornalisti del mensile FQMillennium erano a Kobane, nel Kurdistan siriano, per documentare l’alleanza fra turchi ed ex combattenti dell’Isis e per raccogliere le testimonianze degli sfollati fuggiti da Afrin, la città annessa dalla Turchia e cinta da un muro voluto da Erdogan. Il loro reportage è pubblicato sul numero del mensile diretto da Peter Gomez in edicola da sabato 12 ottobre.

Uccisioni, stupri, torture ed estorsioni. Per un giornalista occidentale è quasi impossibile, oggi, riuscire a documentare ciò che succede ad Afrin. La cittadina curdo-siriana è stata di fatto annessa al territorio turco, grazie anche alla costruzione di un muro alto 4 metri ai suoi confini, dopo l’operazione militare di Ankara ribattezzata Ramoscello d’Ulivo. Quell’operazione è stata portata avanti con l’aiuto di gruppi siriani che fanno parte del Free Syrian Army, all’interno del quale si trovano anche formazioni jihadiste.

Le poche informazioni arrivano dai racconti di chi ad Afrin è nato e cresciuto, ma è dovuto fuggire di fronte alla violenza degli islamisti e ai bombardamenti di Ankara: “I gruppi jihadisti ad Afrin sono come l’Isis – racconta una testimone a FQMillenniuM –, hanno imposto la Sharia, il velo alle donne che non possono uscire di casa senza rischiare la vita. Se ti fermano, ti sequestrano e chiedono il riscatto. Se sei donna, ti violentano”.

Le scene a cui queste persone hanno assistito ricordano le barbarie del Califfato, solo che gli uomini che le commettono, adesso, portano sul braccio la bandiera rossa con la Mezzaluna: “Un giovane in uniforme è stato catturato in un villaggio vicino alla città – insistono – Gli hanno messo un cappio intorno al collo, lo hanno legato a un’auto e lo hanno trascinato per strada. Lo hanno strangolato così”.

I rifugiati di Afrin, sparsi per tutto il Rojava, la regione a maggioranza curda nel nord-est della Siria, sperano di poter un giorno respingere i militari di Ankara e tornare a casa. Ora, però, dopo essersi rifugiati a Kobane, l’incubo è tornato con l’ultima offensiva turca nel nord della Siria: l’operazione “Fonte di Pace”. La città simbolo della resistenza curda a Isis è sotto attacco da parte della Turchia, in un’operazione simile a quella che ha portato alla conquista di Afrin. Davanti agli sfollati, di nuovo, i tank di Ankara e i miliziani jihadisti sostenuti dal governo Erdogan. Il timore è che le stesse barbarie viste ad Afrin vengano replicate in altre città del Rojava.

Leggi il reportage completo su FQMillenniuM in edicola da sabato 12 ottobre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giappone, tifone Hagibis si abbatte su Tokyo: almeno 19 morti e oltre 100 feriti

prev
Articolo Successivo

Siria, tra gli sfollati dell’invasione turca di Afrin: “Massacri e violenze da Erdogan e dai suoi alleati, ci riprenderemo le nostre terre” – VIDEO

next