Internet può essere un luogo difficile da navigare per persone non vedenti o ipovedenti. Gran parte dei contenuti online è sotto forma di immagine, e a meno che i programmatori non abbiano attivato il testo alternativo per etichettare le immagini, è difficile sapere che cosa mostrano usando strumenti quali gli screen reader o i display Braille.

Per risolvere questo problema Google ha annunciato una nuova funzione per Chrome basata sull’apprendimento automatico. L’Intelligenza Artificiale si occuperà di riconoscere le immagini e fare all’utente una descrizione testuale di ciò che mostrano. Si basa sulla stessa tecnologia che consente agli utenti di cercare le immagini in Google partendo da una parola chiave.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

Laura Allen del team di accessibilità di Chrome spiega che “purtroppo in questo momento sul web ci sono ancora milioni e milioni di immagini senza etichetta. Quando navighi con uno screen reader o un display Braille e arrivi a una di quelle immagini, sentirai semplicemente “immagine” o “grafica senza etichetta”, o peggio ancora una stringa lunghissima di numeri che corrisponde al nome del file”.

Usando la nuova funzione, un’immagine di una bancarella del mercato verrebbe descritta come “sembra essere frutta e verdura al mercato”. La dicitura “sembra essere” serve agli utenti per capire che la descrizione è stata generata da un computer, quindi potrebbe non essere del tutto precisa. Da notare che la funzione descritta è disponibile solo per gli utenti che navigano con il supporto di uno screen reader capace di generare feedback vocali, o tramite un display Braille. Le descrizioni delle immagini verranno lette dallo screen reader, ma non appariranno visivamente sullo schermo.

Come descritto sulla pagina ufficiale di Google, per abilitare le descrizioni delle immagini su Chrome bisognerà accedere alle Impostazioni, scegliere la voce “Avanzate”, quindi accedere alla sezione “Accessibilità”. Qui si può attivare il comando “Ottieni descrizioni delle immagini da Google”. Si può anche abilitare la funzione per singole pagine Web, facendo clic con il pulsante destro del mouse e scegliendo dal menu di scelta rapida la voce “Ottieni descrizioni delle immagini da Google”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon Music disponibile su Apple TV, l’app si può già scaricare

next
Articolo Successivo

Google Maps aggiunge una guida vocale evoluta per gli utenti ipovedenti

next