Google Maps ha annunciato una nuova funzione che offre ai pedoni con problemi alla vista la possibilità di ricevere una guida vocale più dettagliata e nuovi tipi di indicazioni verbali. È la prima in Google Maps creata da zero appositamente per le persone ipovedenti. Grazie a questa funzione, chi ha problemi di vista potrà muoversi a piedi per strada con maggiore comfort e sicurezza.

Google Maps indica all’utente se è sulla strada giusta, la distanza fino alla svolta successiva e la direzione in cui si sta camminando. Quando ci si approssima a grandi incroci ci sono degli avvisi per fare l’attraversamento con cautela. In caso si lasci il percorso, una notifica vocale avviserà e reindirizzerà nella direzione corretta.

L’obiettivo è andare oltre le indicazioni per spostarsi da un punto A a un punto B, e permettere così a una persona ipovedente di svolgere il percorso in sicurezza.

Wakana Sugiyama, Business Analyst for Online Partnerships Group presso Google e non vedente, ha scritto in un post sul blog: “Con questa funzione, posso navigare per le strade di Tokyo con maggiore sicurezza”. Sugiyama ha fatto parte del gruppo di lavoro che ha creato la nuova funzione, fungendo da consulente e da tester.

Per attivare la funzione basta collegarsi a Google Maps, accedere alle Impostazioni e, alla voce “Navigazione”, attivare la voce “Guida vocale dettagliata” nella sezione “Opzioni di camminata”. L’unico inconveniente è che al momento la novità è disponibile per Android e iOS, ma solo negli Stati Uniti e in Giappone. Auspichiamo che presto l’azienda di Mountain View ampli il supporto linguistico e inclusa anche l’italiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chrome userà l’Intelligenza Artificiale per descrivere le immagini agli utenti non vedenti e ipovedenti

next
Articolo Successivo

Notebook Asus ZenBook Pro Duo con schermo 4K in Italia con prezzi a partire da 3.000 euro

next