La legge sul taglio dei parlamentari mette d’accordo gli italiani. Secondo le rilevazioni dell’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, l’80 per cento degli italiani intervistati ha detto di essere a favore della riduzione delle poltrone di Camera e Senato. Il sondaggio è stato condotto nelle ultime 24 ore, quindi proprio in contemporanea con il via libera definitivo al provvedimento che modifica la Costituzione e taglia le Camere di 230 deputati e 115 senatori.

Favorevoli alla riforma costituzionale, sia pur con percentuali diverse, si sono dimostrati gli elettori di tutti e tre i principali partiti. Naturalmente il 95% degli elettori del M5s: il Movimento 5 stelle ha puntato fin dall’inizio sul provvedimento che rappresenta per i grillini un vero e proprio cavallo di battaglia. Favorevoli anche i sostenitori del Carroccio: il 78% di chi vota la Lega si è detto soddisfatto del via libera. Il Carroccio, prima di far saltare la maggioranza del Conte 1, aveva votato per tre volte per la riduzione dei parlamentari e anche ieri ha rispettato la linea. Meno entusiasti invece gli elettori democratici, anche se il 66% promuove il provvedimento. Non bisogna dimenticare che per il Pd la scelta è stata più tormentata: per i primi tre voti in Aula si è schierato contro alla riforma. Nell’ultima votazione ha cambiato idea dopo aver ottenuto un accordo di maggioranza su altre quattro riforme (tra cui un progetto per una nuova legge elettorale).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Per Matteo Renzi la politica è essenzialmente tattica

next
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, Baldelli (FI): “Ho votato no in dissenso col mio gruppo. Chi ha votato sì oggi si sente pure dire idiota e inutile”

next