La sindaca Virginia Raggi ha presentato un esposto in Procura a Roma, che già indaga da qualche settimane, su una presunta truffa per la mancata raccolta rifiuti di alcune attività commerciali, come bar e ristoranti. L’esposto del Campidoglio arriva dopo la segnalazione della trasmissione televisiva Le Iene: secondo quanto denunciato dai giornalisti di Mediaset, alcuni operatori della società Roma Multiservizi, società appaltatrice di Ama, fingono solo di ritirare i rifiuti delle utenze non domestiche. Ecco come: questi di notte, quando i locali sono chiusi, registrano, o come precisa un testimone-operatore ai microfoni de Le Iene “sparano”, il codice utente affisso fuori dalla porta di bar e ristornati che viene poi registrato su un palmare, senza però effettuiamo il servizio di raccolta rifiuti. Perché i negozi sono chiusi e quindi non c’è nulla da ritirare.

A notte, per ogni operatore, le “sparate” sono circa 200. Risultato: all’azienda risulta il ritiro della spazzatura, quando invece non c’era. Così facendo Roma Multiservizi risparmia tempo e fa più “sparate”. E intanto fa inquadrare i conti, senza dover assumere nuovi dipendenti e acquistare nuovi camion cosa che invece richiederebbe la quantità dei rifiuti romani. Il servizio de Le Iene poi precisa che questo modus operandi è una decisione presa dagli alti vertici di Roma Multiservizi e non dai singoli operatori.

Dopo la segnalazione de Le Iene, gli uffici di Roma Capitale hanno contattato più volte la segreteria della trasmissione e richiesto i video grazie ai quali, una volta ottenuti, hanno potuto avviare ulteriori accertamenti. A monitorare la situazione anche il Nucleo Ambiente Decoro (Nad) della Polizia Locale di Roma Capitale, così come Ama, l’azienda incaricata a Roma della raccolta rifiuti, che sta avviando un’indagine interna per verificare eventuali responsabilità interne e delle società esterne che hanno in gestione il servizio. Gli inquirenti dovranno ora accertare se il comportamento utilizzato da alcuni dipendenti è sistematico, e quindi poter ipotizzare una truffa ai danni delle casse comunali.

Intanto Campidoglio e Regione Lazio, sul tema smaltimento rifiuti, assicurano “massimo collaborazione” al termine dell’incontro al Ministero dell’Ambiente tra l’assessore ai rifiuti della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani, e il capo staff della sindaca di Roma, Massimo Bugani. “L’amministratore unico di Ama Stefano Zaghis ha un mandato chiaro. Nei prossimi giorni ci presenteremo con un piano industriale e le conferme sull’approvazione del bilancio che, ovviamente, sono fondamentali”, ha precisato Bugani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Lecco, ragazzi rompono un canestro e vanno dal sindaco per ripagare il danno. “Hanno fatto lavori per il bene comune”

next
Articolo Successivo

Piermario Morosini, in appello assolti i medici che erano imputati per omicidio colposo

next