Cinque bambini sono stati travolti da un Suv vicino a un asilo di Chieri, in provincia di Torino. Tre di loro, tutti di età compresa tra 1 anno e mezzo e 3 anni, sono rimasti feriti. Una bambina, trasportata in elicottero all’ospedale Regina Margherita di Torino, è in pericolo di vita. Anche altri due piccoli sono in ospedale, ma con ferite meno gravi, uno in codice giallo al Regina Margherita l’altro in codice verde a Chieri. La bambina, che sarà sottoposta a un intervento neurochirurgico, è in prognosi riservata e ha riportato lesioni al cranio, al torace e all’addome.

L’incidente, sul quale indagano i carabinieri, è avvenuto vicino all’asilo La casa nel bosco in corso Torino e l’auto è di proprietà di uno dei titolari della struttura e in uso al fratello. I bambini sono stati investiti da una Toyota Land Cruiser, ora sotto sequestro, parcheggiata in leggera salita che avrebbe iniziato a muoversi per cause in corso di accertamento. In un primo momento, si era ipotizzato che ci fosse qualcuno alla guida del Suv e che, inavvertitamente, avrebbe investito i piccoli.

“È stato un incidente. Un fatale incidente avvenuto nel parcheggio. Siamo tutti molto scossi”, ha commentato una delle titolari dell’asilo, proprietaria dell’auto. “Sono alunni dell’asilo – spiega – Stiamo cercando di gestire la situazione. Dobbiamo dare attenzione all’emotività di tutti”. Gli investigatori stanno valutando la posizione della persona. Al momento ipotesi è lesioni personali stradali gravissime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un lavoratore indiano non pagato si sdraia sul binario. Un volto dello sfruttamento

next
Articolo Successivo

Sardegna, arrivano i cartelli anti Google Maps: “Non seguite le indicazioni del navigatore”

next