Cinque bambini sono stati travolti da un Suv vicino a un asilo di Chieri, in provincia di Torino. Tre di loro, tutti di età compresa tra 1 anno e mezzo e 3 anni, sono rimasti feriti. Una bambina, trasportata in elicottero all’ospedale Regina Margherita di Torino, è in pericolo di vita. Anche altri due piccoli sono in ospedale, ma con ferite meno gravi, uno in codice giallo al Regina Margherita l’altro in codice verde a Chieri. La bambina, che sarà sottoposta a un intervento neurochirurgico, è in prognosi riservata e ha riportato lesioni al cranio, al torace e all’addome.

L’incidente, sul quale indagano i carabinieri, è avvenuto vicino all’asilo La casa nel bosco in corso Torino e l’auto è di proprietà di uno dei titolari della struttura e in uso al fratello. I bambini sono stati investiti da una Toyota Land Cruiser, ora sotto sequestro, parcheggiata in leggera salita che avrebbe iniziato a muoversi per cause in corso di accertamento. In un primo momento, si era ipotizzato che ci fosse qualcuno alla guida del Suv e che, inavvertitamente, avrebbe investito i piccoli.

“È stato un incidente. Un fatale incidente avvenuto nel parcheggio. Siamo tutti molto scossi”, ha commentato una delle titolari dell’asilo, proprietaria dell’auto. “Sono alunni dell’asilo – spiega – Stiamo cercando di gestire la situazione. Dobbiamo dare attenzione all’emotività di tutti”. Gli investigatori stanno valutando la posizione della persona. Al momento ipotesi è lesioni personali stradali gravissime.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Un lavoratore indiano non pagato si sdraia sul binario. Un volto dello sfruttamento

prev
Articolo Successivo

Sardegna, arrivano i cartelli anti Google Maps: “Non seguite le indicazioni del navigatore”

next