Il governo punta a recuperare dal contrasto alle false compensazioni tra crediti e debiti su fisco e previdenza una cifra compresa tra uno e due miliardi di euro. Una cifra ben più bassa, dunque, rispetto ai 5-7 miliardi sperati dal leader M5s Luigi Di Maio. E’ emerso da una riunione che si è tenuta lunedì mattina alla Ragioneria dello Stato, alla quale hanno partecipato anche i vertici dell’Inps. Fonti vicine al dossier hanno riferito che non è in discussione il mantenimento della norma sulle compensazioni, ma si lavora a un rinforzo dei controlli tramite una piattaforma per lo scambio dei dati. L’Inps appare “fiducioso” sulla possibilità di incamerare fino a due miliardi, ma la Ragioneria resta più prudente. Intanto Repubblica spiega nel dettaglio quale è il piano concordato da Di Maio con il presidente Inps Pasquale Tridico.

Il punto di partenza è che tra 2012 e 2018 “la massa di compensazioni richieste dalle imprese è cresciuta da 7,85 miliardi a 13,66 miliardi, il 74% in più”. Vale a dire che sempre più aziende hanno saldato i debiti con l’Inps e l’Inail coprendoli con i crediti fiscali vantati nei confronti dello Stato. Il problema è che “imprese e contribuenti disonesti possono dichiarare crediti inesistenti per coprire i loro debiti”. E queste frodi sono difficili da scoprire perché, strano ma vero, oggi le banche dati di Inps e Inail non comunicano con quelle dell‘Agenzia delle entrate. Risultato: se la compensazione è indebita, l’Agenzia se ne accorge solo a posteriori. E nel frattempo l’azienda risulta in regola e riesce a ottenere senza problemi il Durc, documento necessario per partecipare agli appalti pubblici.

L’idea, dunque, è quella di creare una piattaforma che consenta di condividere i dati e “usare la blockchain per bollinare crediti e debiti”. Oltre a prevedere la sospensione della licenza a commercialisti e consulenti del lavoro che danno il via libera a crediti inesistenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Def, Confindustria all’attacco: “Manovra sarà la più restrittiva dai tempi di Letta. Ma alto rischio di non rispettare le regole Ue”

next
Articolo Successivo

Manovra, Istat: “Gli elevati livelli di evasione riducono crescita e competitività”. Bankitalia: “Incide su efficienza ed equità”

next