Danni a tegole e comignoli e qualcuno che si è persino arrampicato sul campanile di una chiesa: sono le conseguenze negative di una gara di freerunner che si è svolta oggi negli antichi rioni Sassi di Matera, Capitale Europea della Cultura 2019. La reazione è della Fondazione Sassi, che ha parlato senza mezzi termini di “Sassi abusati e danneggiati”, spiegando che “da giorni i tetti dei rioni Sassi sono stati presi d’assalto da freerunner più o meno esperti” che le forze dell’ordine non sono riuscite a contenere, nonostante le richieste di intervento dei cittadini. Il presidente della Fondazione Sassi, Vincenzo Santochirico, ha criticato le “carenze” dell’organizzazione della manifestazione, “che non ha provveduto a una adeguato servizio di vigilanza”, e le “istituzioni competenti” per la loro “colpevole distrazione o volontaria scelta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trieste, l’imponente abbraccio della città ai due agenti uccisi. La folla applaude sotto la questura

next
Articolo Successivo

Papa Francesco apre il Sinodo speciale sull’Amazzonia: “Fuoco appiccato da interessi che distruggono non è quello del Vangelo”

next