Ha aggredito e ferito un automobilista con una roncola per portargli via appena 10 euro. Nicola Garofalo, 32 anni, già noto alle forze dell’ordine per rapina e tentato omicidio, è stato così arrestato dai Carabinieri di Torre Annunziata, in provincia di Napoli. La vittima è stata ricoverata in ospedale e la sua prognosi rimane riservata, anche se non è in pericolo di vita.

Il 32enne, secondo la ricostruzione fornita dai militari dell’Arma, la notte tra venerdì e sabato ha avvicinato l’automobilista in sosta in via Solferino, minacciandolo con l’arma in pugno e portandogli via appena 10 euro. Al tentativo della vittima di reagire, il pregiudicato ha colpito l’uomo alla testa con il manico della roncola e lo ha ferito agli arti con la lama prima di darsi alla fuga. Ma alcune persone che hanno assistito alla scena hanno contattato il 112 e fornito un identikit dell’aggressore che, così, è stato rintracciato e fermato nella vicina Boscoreale. Durante la perquisizione personale e dell’abitazione sono stati sequestrati l’arma e i vestiti utilizzati per la rapina che presentavano ancora evidenti macchie di sangue.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Poliziotti uccisi a Trieste, la madre del fermato: “Non so come chiedere perdono”

prev
Articolo Successivo

Trieste, fiori per gli agenti uccisi, abbracci e carezze per i colleghi. Un testimone: “Quei rumori mi sembravano petardi”

next