Tre ginecologi dell’Humanitas di Milano sono indagati per il caso di una donna di 40 anni morta dissanguata dopo un raschiamento fatto in seguito a un aborto spontaneo. Secondo l’accusa, i medici non avrebbero asportato subito l’utero perforato per errore: stando alle ricostruzioni, sarebbero state effettuate trasfusioni di sangue, ma non l’immediata isterectomia che le avrebbe salvato la vita. L’udienza preliminare è stata fissata per il 10 dicembre. A chiedere il rinvio a giudizio dei tre ginecologi è stato il pm Mauro Clerici, titolare dell’inchiesta per omicidio colposo nata dalla denuncia del compagno della donna morta il 12 aprile dell’anno scorso.

La vittima era arrivata all’Humanitas per il raschiamento dopo un aborto precoce e spontaneo alla nona settimana. Questo tipo di intervento chirurgico di solito viene eseguito in day hospital, dura una quindicina di minuti e tra i rischi, che sono rari, figura anche la perforazione dell’utero. In sala operatoria, secondo la ricostruzione, la perforazione ha causato una importante emorragia che i tre medici, però, non sarebbero stati in grado di gestire nell’emergenza. Hanno proceduto con le trasfusioni di una serie di sacche di sangue senza procedere all’asportazione dell’utero. Quando poi hanno deciso di procedere con la isterectomia, cioè la rimozione dell’utero con la tecnica della laparotomia, è risultato essere troppo tardi.

“La paziente”, si legge nella nota dell’Humanitas, “è stata sottoposta ad un intervento chirurgico di natura ginecologica. Durante l’intervento si è manifestata una seria complicanza cui è seguita un’improvvisa e inarrestabile emorragia. A nulla sono valsi tutti gli interventi messi in atto dall’équipe chirurgica e il coinvolgimento di tutte le risorse professionali e tecnologiche di Humanitas. L’ospedale esprime il proprio forte e sincero rammarico per quanto accaduto, nonostante tutti gli sforzi profusi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione elettorale, l’ex deputato Pd e Fi Genovese condannato a 4 anni e 2 mesi. Con lui anche il cognato Rinaldi e Paolo David

prev
Articolo Successivo

Fisco, procuratore Greco: “Se sei straniero e rubi una lattina vai in carcere, se sei un evasore ti devo ringraziare. Questa storia mi ha stancato”

next