Questa mattina alle ore 10.10 la prima campata del nuovo viadotto, lunga 50 metri e pesante 500 tonnellate, è stata sollevata a circa 50 metri e posata sulle pile 5 e 6. È il primo tratto del nuovo ponte realizzato dalla società “PerGenova”, al quale seguirà l’innalzamento delle altre 18 che comporranno il nuovo viadotto autostradale “che sarà pronto entro fine aprile”, ribadisce il sindaco e commissario per la ricostruzione Marco Bucci alla cerimonia che ha visto la partecipazione tra gli altri del Presidente del consiglio Giuseppe Conte, del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli. “Si sente parlare di fatalità – dichiara l’architetto e senatore a vita Renzo Piano – ma quando si tratta di sicurezza non ci sono fatalità. La sicurezza è una scienza e come tali metodi va affrontata”. Per l’architetto che ha firmato il progetto dell’opera: “Ogni costruzione è un lavoro collettivo, ci si mette assieme e l’orgoglio di contribuire alla generazione di bellezza genera unità e solidarietà. Spiace però – ha aggiunto Renzo Piano a margine della diretta offerta da PerGenova – che spesso in Italia siano necessarie emergenze e condizioni straordinarie per riuscire a superare le divisioni e lavorare per l’eccellenza e la sicurezza”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padova, schiaffi e minacce ai bambini del centro culturale. Arrestato imam: le segnalazioni partite da familiari e insegnanti

next
Articolo Successivo

Roma, il consiglio di amministrazione di Ama si dimette dopo le frizioni con il Campidoglio sul bilancio. Era stato nominato solo 5 mesi fa

next