“Oggi è un giorno tristissimo, in cui tutto il movimento lgbt e più in generale tutte le persone che hanno a cuore la battaglia per i diritti civili perdono una compagna importante e carissima. Perdiamo una protagonista della nostra rivoluzione gentile, un’amica generosa e caparbia, un pezzo della nostra favolosa storia”. Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay, commenta così la scomparsa della giornalista e scrittrice Delia Vaccarello, avvenuta ieri 27 settembre a Palermo. Da 13 anni lottava contro un tumore.

Impegnata da sempre contro l’omofobia e le discriminazioni, ha raccontato il mondo arcobaleno per tutta la sua carriera. E’ stata una delle prime donne in Italia a dichiarare la propria omosessualità e a scriverne. La sua storia era cominciata a Palermo, dove è nata 59 anni fa. Poi il trasferimento a Roma, per laurearsi in Filosofia. Dal 1990 ha iniziato a collaborare con l’Unità, dove curava la pagina “Uno due tre… liberi tutti”. “Grazie alla sua battaglia dalle pagine di questo giornale”, prosegue Gabriele Piazzoni, “La Casagit, cioè la Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti, è stato uno dei primissimi enti italiani a riconoscere, quasi quindici anni fa, le relazioni omosessuali, estendendo le proprie coperture ai partner dello stesso sesso”. Per due volte ha vinto il premio Journalist Award, promosso dalla Commissione europea, con articoli sui militari gay che sfidano i pregiudizi e sulla vita di gay morti da etero.

Non solo articoli, anche libri. Per Mondadori: Evviva la neve, nel 2010, il racconto di viaggio tra le vite e i drammi dei transgender. Durante la presentazione del volume a Palermo, disse che voleva dare restituire una testimonianza di umanità e libertà. Era stato proprio l’ultimo libro che aveva scritto, Desiderio – edito da Villaggio Miori – a riportarla nella sua città natale, per una presentazione al pubblico che non ha potuto fare, a causa dei peggioramenti delle sue condizioni di salute. Lo si legge sull’edizione locale di Repubblica. Da sempre attenta alla formazione di futuri colleghi, ha tenuto seminari nelle scuole di giornalismo di Bologna ed Urbino.

A ricordarla anche la senatrice Monica Cirinnà, Pd: “Ricordo con emozione l’incontro e il confronto con lei durante il percorso di approvazione delle unioni civili. La sua voce coraggiosa e il suo sguardo lucido sulle cose ci mancheranno molto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, barcone si capovolge al largo della Libia: oltre 50 persone in mare. E tra Spagna e Marocco naufraga un gommone: sette morti

next
Articolo Successivo

Lucca, paziente dell’ospedale trova un preservativo nel piatto con le mele cotte. La Asl: “Sabotaggio”. Indagano i carabinieri

next