Ha preso a schiaffi e rapinato un disabile in sedia e rotelle. Non solo: ha anche minacciato i testimoni di ritorsioni, nel caso l’avessero denunciato. Ecco i motivi che hanno spinto gli agenti della Polizia di San Severo – nel foggiano – a eseguire una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 33enne pregiudicato del posto, individuato grazie ai filmati delle telecamere di sicurezza presenti nelle vicinanze al luogo dove è avvenuta la rapina. L’episodio risale al luglio scorso. Secondo quanto ricostruito dai poliziotti, l’uomo ha prima ha aggredito la vittima e poi ha preteso il suo cellulare e il denaro. Alcuni passanti sono intervenuti in difesa della persona in carrozzina, ma l’aggressore è comunque riuscito a recuperare pochi spiccioli e a scappare, solo dopo aver minacciato i presenti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, rubavano Rolex agli automobilisti: arrestati sei rapinatori seriali. Cinque colpi in pochi mesi: bottino da 100mila euro

next
Articolo Successivo

Palermo, allo Zen la processione si inchina davanti alla stazione dei carabinieri

next