Samsung ha tolto i veli sul Galaxy A20s, uno smartphone di fascia bassa con caratteristiche essenziali, che attira l’attenzione con una tripla fotocamera posteriore e uno schermo da 6,5 pollici. Per ora si sa che sarà disponibile nelle quattro colorazioni nero, blu, verde e rosso, ma l’azienda sud coreana non ha comunicato né il prezzo né la disponibilità. Considerata la fascia di appartenenza, tuttavia, ci aspettiamo verosimilmente una cifra non superiore a 150 euro.

La presentazione non è avvenuta nelle solite modalità: Samsung si è limitata a pubblicare sul proprio sito ufficiale un’infografica in cui sono elencate le caratteristiche principali, che riportiamo in questa pagina. Quello che salta all’occhio è che il nuovo modello porta con sé alcuni miglioramenti rispetto al suo predecessore A20.

Primo fra tutti lo schermo Infinity-V HD+ da 6,5 pollici con notch a goccia (al posto della fascia nera nella parte alta dello schermo), sotto a cui alloggia la fotocamera frontale da 8 Megapixel. Sul pannello retrostante ci sono il lettore per le impronte digitali e la tripla fotocamera con flash LED. I sensori sono disposti in verticale: quello principale è da 13 Megapixel, quello secondario è un ultra grandangolare da 8 Megapixel, il terzo è un sensore di profondità da 5 Megapixel.

Per quanto riguarda le configurazioni, tutti gli allestimenti avranno in dotazione il processore a otto core Qualcomm Snapdragon 450 a 1,8 GHz. Ad affiancarli 3 GB di memoria RAM e 32 GB di spazio di archiviazione per il modello base, oppure 4 GB di memoria RAM e 64 GB di storage interno per il modello più lussuoso. In entrambi i casi si potrà inserire una scheda di memoria microSD fino a 512 GB per aumentare lo spazio disponibile per foto e app, senza rinunciare alla doppia SIM.

La batteria è un modello da 4000 milli Ampere per ora che supporta una ricarica rapida da 15 W, e che concorre a portare il peso a 183, per dimensioni di 163,3 x 77,5 x 8,0 mm. Sul fronte della connettività troviamo Bluetooth 4.2, Wi-Fi, Wi-Fi Direct e GPS.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Produrre cemento senza inquinare si può, lo dimostra uno studio del MIT

next
Articolo Successivo

L’Australia installa telecamere con Intelligenza Artificiale per multare chi usa lo smartphone mentre guida

next