Finalmente una buona notizia. Piccola quanto si vuole ma buona. Il sindaco di Riace è stato dichiarato ineleggibile dal ministero dell’Interno. Si chiama Tonino Trifoli, è leghista. Non siamo sicuri ma qui c’è forse la manina dei fratelli Cosma e Damiano. Erano medici e tutta la loro vita l’hanno spesa a curare i poveri, a fare accoglienza, a sostenere i deboli contro i forti.

Così ferma e decisa la loro volontà di disporre ogni minuto del loro tempo a favore dei bisognosi (Gratis accepistis, gratis date” (Mt 10,8), che quando Damiano accettò da una contadina tre uova come ricompensa per le cure offerte, Cosma – assai mortificato – chiese che le sue spoglie fossero sepolte lontane da quelle del fratello. La Chiesa li ha fatti santi. E il sindaco attuale li aveva scelti come testimonial del nuovo corso di Riace. Da paese dell’accoglienza, come l’ex primo cittadino Mimmo Lucano aveva voluto che fosse scritto nel cartello di benvenuto, a paese di “Cosimo e Damiano”. Il sindaco Trifoli non solo ha mutato il nome a Cosma ma l’ha fatto apparire, in ragione di una ignoranza evangelica di tutto rispetto, come il buttafuori di Riace.

Cosma sarà pure santo ma se l’è legata al dito. E così…

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giancarlo Giorgetti, leghista Quattro stagioni

next
Articolo Successivo

Le Regioni sono da chiudere, da buttare nel cestino dei panni sporchi

next