Via libera dalla base del Movimento 5 stelle al “patto civico” per le elezioni regionali in Umbria, proposto da Luigi Di Maio. Il 60,9% dei votanti sulla piattaforma Rousseau ha votato a favore della proposta del capo politico dei 5 stelle. I votanti sono stati 35.036: i sì sono stati 21.320, i no 13.716, pari al 39,1%. La votazione era aperta a tutti gli iscritti M5S sul territorio nazionale. La regolarità della votazione, spiega l’associazione che gestisce la piattaforma, è stata certificata da notaio, e i risultati saranno depositati presso due notai. “Questa è la strada che abbiamo proposto e che i cittadini hanno confermato per poter cambiare un sistema che in Umbria ha creato ulteriore sfiducia delle persone verso le istituzioni. Ed è comprensibile, visto anche lo scandalo della corruzione nella sanità”, scrivono i 5 stelle sul blog. “Siamo consapevoli che questo è un esperimento, innovativo, e che comporta un’altra grande responsabilità, ma la partecipazione delle persone che votano e scelgono di dire la loro ci dà forza. E siamo orgogliosi di questo metodo”.

Sul fronte parlamentare, alcune fonti grilline rivolgono subito un invito implicito al Pd: “Ora chiudiamo sul nome del candidato presidente e liberiamo l’Umbria dalla sola politica. I partiti facciano un passo indietro e gli umbri facciano un passo in avanti”. Positivo anche il commento di Nicola Zingaretti:Sull’Umbria sono fiducioso. Ci sono le condizioni con lo sforzo di tutti per arrivare a una forte candidatura, unitaria e competitiva per il bene di quella bellissima terra orgoglio di tutta l’Italia”, dice il segretario del Pd. Secondo fonti della maggioranza il candidato sul quale le due forze di governo potrebbero trovare la quadra è la presidente del centro di riabilitazione per disabili Serafico di Assisi, Francesca Di Maolo. Il Movimento e il Pd ufficialmente non confermano e anzi fonti grilline fanno sapere che “al momento non è stato trovato nessun accordo. Sono errate le notizie diffuse da alcuni organi di informazione in merito a una presunta convergenza tra M5s e Pd sul nome del candidato presidente della regione Umbria. La trattativa va avanti, ma non è stato ancora definito il nome”.

Sul blog delle Stelle, infatti, non si parlava dell’identità del candidato. Il quesito era il seguente: “Sei d’accordo con la proposta avanzata dal Capo Politico del Patto civico per l’Umbria, sostenendo alle elezioni regionali un candidato Presidente civico, con il sostegno di altre forze politiche?”. Oggi Di Maio aveva lanciato la proposta di una candidatura diversa: quella della sindaca di Assisi Stefania Proietti, eletta con una lista civica, ma con il Pd in giunta. “Una amministratrice locale molto attiva e una docente universitaria molto apprezzata”, l’ha definita il capo politico dei 5 stelle, che oggi da ministro degli Esteri era ad Assisi per partecipare a un evento sulla Libia. “Inutile indugiare. In Umbria c’è un’emergenza. C’è stata una giunta al centro di uno scandalo di corruzione sulla sanità. Che vogliamo fare? Metterci a dire quanto sono cattivi gli altri e quanto siamo bravi noi? Secondo me è il caso di trovare un modo per cui, insieme ad altre forze, diamo la possibilità a qualcuno di esterno ai partiti di cambiare questa regione e certe logiche”, ha scritto il capo del M5s in un post sul blog delle Stelle.

A stretto giro era arrivata la replica del commissario dem in regione, Walter Verini, che si era detto “sorpreso” per le parole con Di Maio: “Da giorni, in accordo con il partito nazionale, attendiamo una risposta seria su una candidatura civico-sociale da tempo in campo, a prescindere dal Pd: quella di Andrea Fora. Il quale, davanti ad eventuali intese su profili di alto spessore, aveva dato e darebbe piena disponibilità ad aiutare queste soluzioni. Noi lavoriamo per unire e non per dividere un campo largo che può essere vincente”. Adesso l’ipotesi rappresentata da Francesca Di Maolo, sommata al via libera degli iscritti su Rousseau, potrebbe far sbloccare l’impasse tra le due forze di governo.

Sempre su Rousseau, nel post in cui si comunica l’esisto della votazione, viene pubblicato anche l’elenco completo delle preferenze ottenute da tutti i candidati alle regionarie per l’Umbria che si sono tenute ieri 19 settembre. La lista dei candidati ufficiali al consiglio regionale sarà formata nei prossimi giorni tenendo conto dell’ordine del numero di preferenze ricevute e rispettando la rappresentanza di genere, come previsto dalla legge. “Sarà inoltre garantita- assicurano i 5 stelle – la rappresentanza di almeno un candidato di ognuna delle due province umbre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alto Adige, a una settimana dalle elezioni i popolari e la destra austriaca rilanciano l’idea del doppio passaporto per i sudtirolesi

prev
Articolo Successivo

Sanità lombarda, le mie domande all’assessore regionale su soldi e digitalizzazione

next