Da Neri Marcoré a Luca Barbarossa, passando per i Negrita e Roy Paci, fino a Nina Zilli e Claudio Coccoluto. Sono soltanto alcuni dei nomi che hanno partecipato a Roma all’iniziativa “Liberi fino alla fine”, organizzata dall’associazione Luca Coscioni, per chiedere che il Parlamento legiferi sull’eutanasia legale. Ha partecipato all’iniziativa anche Valeria Imbrogno, compagna di Fabiano Antoniani, noto come Dj Fabo: “Il fatto che il Parlamento non si sia ancora pronunciato è una vergogna”, ha rivendicato. Eppure, ha spiegato di essere ottimista per il futuro: “Devo esserlo, è la nostra battaglia. E credo che debba essere una battaglia indipendente dalle logiche di partito e di governo”. E ancora: “Credo che rispetto ai tempi di Eluana Englaro e degli anni passati, oggi il Paese sia pronto per una legge sull’eutanasia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia, a Roma l’evento ‘Liberi fino alla fine’. Welby: “Battaglia di laicità”. Cappato: “In 800 ci hanno chiesto di potere morire”

next
Articolo Successivo

Toscana, consigliere regionale leghista: “Donne in vetrina per rilanciare il turismo”. Rossi ironizza: “Aberrante. Perché non comincia lui?”

next