A quasi una settimana dagli arresti per i falsi report su alcuni viadotti di Autostrade sono stati sentiti quasi tutti i nove, tra dirigenti e tecnici di Aspi e Spea (la controllata incaricata delle manutenzioni), che nei giorni scorsi sono finiti agli arresti domiciliari o sono stati interdetti dalla professione. Tra ieri e oggi sono stati interrogati, per rogatoria, Maurizio Ceneri (Spea), Massimo Giacobbi (Spea), Lucio Torricelli Ferretti (Spea), entrambi ai domiciliari, Andrea Indovino (Spea) e Angelo Salcuni (consulente esterno). Tra di loro alcuni hanno respinto le accuse mentre altri hanno spiegato le proprie posizioni e iniziato a collaborare con gli inquirenti. Giovedì verranno sentiti a Genova Gianni Marrone (di Aspi Bari, ai domiciliari) e Luigi Vastola (Aspi Bari).

Dopo le perquisizioni dei giorni scorsi, gli investigatori stanno vagliando la posizione dell’avvocato Michele Andreano. Il suo collega di studio Fabio Freddi era stato indagato per favoreggiamento per la vicenda dell’acquisto dei jammer, i disturbatori di frequenza usati per non farsi intercettare. Andreano difendeva Spea e oggi ha dismesso il mandato.

Il secondo filone d’inchiesta vede indagate in totale 15 persone per falso. Secondo gli investigatori del primo gruppo della Guardia di finanza, i report sui viadotti sarebbero stati ammorbiditi o falsificati per non chiudere il traffico o per non effettuare lavori costosi, il tutto per risparmiare a scapito della sicurezza degli automobilisti. Inoltre, alcuni degli indagati avrebbero ostacolato il lavoro degli inquirenti, non consegnando documenti o, appunto, impedendo le intercettazioni e preparando i testimoni. L’inchiesta, su sei viadotti autostradali dislocati in tutta Italia, era nata dalle indagini sul crollo del ponte Morandi, collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Xtream, la ‘marachella’ rischia di costarvi cara

prev
Articolo Successivo

Tangenti, le accuse a Sozzani fondate non solo sulle intercettazioni via trojan: c’è un bonifico alla base del presunto finanziamento illecito

next