Ha deciso di dare un taglio alle sue treccine blu elettrico per mettere tutti a tacere. Così il ragazzino di 13 anni potrà tornare a scuola dopo che lo scorso venerdì la preside della sua scuola “Ilaria Alpi-Carlo Levi” di Scampia, periferia nord di Napoli, gli ha vietato di entrare in classe a causa della sua colorata acconciatura, in contrasto con il dress code dell’Istituto. Un nuovo look non condiviso dalla famiglia del ragazzo, che però precisa: “La scelta è stata presa da mio figlio – dice Carla, la madre del tredicenne -. Dimostra di essere una persona matura”. Così le treccine blue da domani saranno solo un ricordo. Per la gioia della preside dell’istituto, Rosalba Rotondo, che si è dichiarata sollevata dopo aver saputo della scelta dello studente: “Dopo le lezioni ha voluto incontrarmi, mi ha detto di avere intenzione di tagliare le treccine, mi ha chiesto scusa per tutto quello che è successo”. E poi lo elogia: “E’ un ragazzino molto intelligente. A dicembre si esibirà con altri alunni al San Carlo di Napoli. Qui a scuola vogliamo che continui a coltivare la passione per il pianoforte e la musica. Il suo riscatto deve arrivare dalla cultura“.

Nei giorno scorsi la vicenda era stata al centro di molte discussioni sui social. Fino a diventare un caso politico: la segnalazione di quanto accaduto è partita dalla nonna del ragazzino che ha raccontato la vicenda al consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. “A mio nipote – ha lamentato la nonna – è stato impedito di entrare a scuola per i suoi capelli. Di fronte alle proteste, a mia figlia hanno sbattuto la porta in faccia”. La preside aveva poi controbattuto affermando che “non è stata chiusa nessuna porta in faccia. Tutti i genitori firmano, ogni anno, un Patto di corresponsabilità. Ci sono regole che valgono per tutti, alunni e docenti, e i genitori le conoscono”. Un dress code rigido che non vale solo per le treccine. Nella scuola sono messe al bando anche creste, shatush o altre acconciature. E ancora: no ai bermuda, pantaloni stracciati, sandali, trucco pesante, ombelico scoperto, maglie e felpe con simboli che inneggiano alla violenza o a modelli sbagliati. Vietati anche i cellulari. “E sia chiaro – precisa la preside – Sono regole che faccio rispettare anche ai docenti. Io per prima”. E poi aggiunge: “Solo così gli studenti imparano oggi quello che servirà loro domani – sottolinea Rotondo, da 36 anni alla guida dell’istituto comprensivo Alpi-Levi di Scampia – Immagino i miei alunni come futuri dirigenti. Potranno mai andare a lavorare con treccine blu elettrico? Non credo proprio. Un giorno saranno avvocati, infermieri, medici, artisti, bancari e sapranno che esistono regole da rispettare, sapranno cos’è un dress code”.

Sull’argomento tuttavia è intervenuto il sottosegretario all’Istruzione Peppe De Cristofaro (in quota Liberi e Uguali) che “nel rispetto dell’autonomia scolastica e dei regolamenti” ha definito “sbagliato” il provvedimento che ha colpito lo studente. “Mi chiedevo – aggiunge De Cristofaro se ci fossero altre motivazioni alla base di quella decisione, invece il provvedimento derivava esclusivamente dalla questione dei capelli. L’esclusione dalle lezioni dello studente a me pare ingiustificata e discriminatoria. Per queste ragioni chiederò all’Ufficio scolastico regionale di intervenire per ripristinare un principio di libertà personale che, nel caso dell’acconciatura dello studente, non mi pare possa in alcun modo ledere i diritti degli altri studenti e degli insegnanti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Scampia escluso un ragazzo dalle lezioni perché ha i capelli blu. Per me qualcuno merita solidarietà

next
Articolo Successivo

Mattarella a L’Aquila per avvio anno scolastico: “Garantire sicurezza degli edifici. Mobilità sociale ferma, scuola può aiutare”

next