Il blogger brasiliano Simone Caminada è stato accusato di stupro da una ragazza che ha denunciato di essere stata violentata nell’appartamento del professore e filosofo Gianni Vattimo, di cui Caminada è assistente e stretto collaboratore. I fatti denunciati sarebbero avvenuti la sera del 30 agosto scorso a Torino, dove il 36enne di origine brasiliana vive: l’episodio è al vaglio degli inquirenti perché il racconto fatto dalla giovane presenta diverse lacune ed è ancora tutto da verificare.

Secondo quanto riferisce Repubblica, la ragazza ha sporto querela ai carabinieri nei confronti di “Simone Vattimo”, spiegando che il blogger si era spacciato per il figlio adottivo del filosofo che aveva conosciuto qualche tempo prima. Ai militari ha ricostruito con difficoltà quanto accaduto quella notte, spiegando di ricordare pochi dettagli perché aveva bevuto molto: la serata trascorsa nei locali del centro in compagnia, inizialmente, del padre e di un’amica che l’avrebbe messa in guardia dagli sguardi “un po’ troppo insistenti” di Simone Caminada. Rimasta poi sola con lui, la ragazza ha detto di averlo seguito a casa e di essersi ritrovata in una camera da letto dove sarebbe avvenuto il rapporto non consensuale.

Nel mentre, la giovane ha detto di essere riuscita a chiamare il fidanzato che avrebbe sentito frasi come “smettila, mi fai male, non voglio”: è stato lui infatti a dare l’allarme e chiamare i carabinieri. Trasportata in ospedale, la ragazza ha rifiutato però di sottoporsi ad alcuni esami di rito e l’intera vicenda è ora al vaglio degli inquirenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, ragazza di 18 anni trovata impiccata con le mani legate in un parco giochi

next
Articolo Successivo

Foggia, volontari distribuiscono cibo e coperte ai clochard in stazione: multati dalla polizia ferroviaria perché senza biglietto

next