Confindustria, Consob, il rappresentante degli azionisti speciali Marco Pedretti e sei piccoli azionisti, tra dipendenti ed ex dipendenti sono stati ammessi dal gup di Milano Maria Cristina Mannocci, davanti al quale oggi si è aperta l’udienza sulla vicenda per le presunte irregolarità nei conti del Sole 24 Ore, come parti civili nei confronti dell’ex direttore editoriale Roberto Napoletano, dell’ex ad e dell’ex presidente, Donatella Treu e Benito Benedini, imputati per false comunicazioni sociali e aggiotaggio. Il giudice ha respinto, invece, l’istanza di uno dei sei piccoli azionisti che aveva chiesto di essere parte civile anche contro il gruppo, pure lui imputato in base alle legge sulla responsabilità amministrativa degli enti.

L’udienza è stata aggiornata al prossimo 24 settembre. Quel giorno dovrebbero essere stralciate le posizioni di Treu e Benedini in quanto hanno chiesto di patteggiare, mentre per Napoletano e la società di via Monte Rosa si dovrebbe procedere con rito ordinario. Quest’ultima, però, sta valutando l’eventualità di proporre patteggiamento mentre al vaglio della Consob, parte civile solo il relazione all’aggiotaggio, c’è la citazione dello stesso gruppo come responsabile civile. Treu e Benedini hanno depositato istanza di patteggiamento rispettivamente a 1 anno e 8 mesi e 300 mila euro e a 1 anno e 6 mesi e 100 mila euro, somme queste che dovrebbero essere ricevute a titolo di acconto.

Per i tre il pm di Milano Gaetano Ruta, titolare dell‘inchiesta per false comunicazioni sociali e aggiotaggio informativo che ha scosso il quotidiano economico nella primavera 2017, a febbraio aveva chiesto il rinvio a giudizio. Archiviata, invece, la posizione di altri sette indagati che erano accusati di appropriazione indebita e nei cui confronti il gruppo, dopo essere stato risarcito, ha ritirato la querela.

Intanto ieri la Consob ha sanzionato con una multa totale di 1,05 milioni di euro sia l’ex direttore editoriale che quattro ex manager del gruppo Sole 24 Ore hanno messo in atto “pratiche commerciali e di reporting per incrementare artificiosamente i dati diffusionali del quotidiano” truccando quelli sugli abbonamenti digitali. Secondo la commissione la divulgazione di quei dati “alterati” ha “prodotto un quadro informativo falso della situazione economico-finanziaria” del gruppo con effetti suscettibili di “influenzare in modo ingannevole sia le scelte degli acquirenti di spazi pubblicitari (…) che gli analisti finanziari” e quindi le decisioni degli investitori. Per Treu e Napoletano la sanzione della Commissione, più pesante rispetto alla proposta formulata a febbraio dall’Ufficio sanzioni amministrative, è di 280mila euro. Ad Anna Matteo ne vengono chiesti 180mila, a Massimo Arioli 160mila, a Alberto Biella 150mila. Mentre non sono stati chiesti soldi all’ex presidente, Benedini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trattativa Stato mafia, Berlusconi e Di Pietro saranno testimoni nello stesso giorno: il 3 ottobre all’aula bunker di Palermo

prev
Articolo Successivo

Giustizia, il ministro Bonafede: “Con la riforma l’80% dei processi penali finirà entro 4 anni. Mia conferma è atto di fiducia”

next